SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La scintilla è scoccata nel momento di difficoltà: vallo a capire come e perché, ma nel momento in cui Buonocore ha infilato Di Vincenzo con un bellissimo tiro su punizione, il Riviera delle Palme ha tuonato la carica. Difficile farlo capire scrivendo, difficile anche farlo rivivere con le registrazioni video o le fotografie, perché in certi casi occorre essere lì, presenti.

Ed ecco le parole del tecnico ospite, Valdifiori, in sala stampa: “Qui a San Benedetto si respira un contesto unico ed irripetibile, ero già venuto 10 anni fa alla guida dell’Imolese: questo pubblico è uno spettacolo. Per voi è come avere in squadra un attaccante da 20 gol a stagione, specialmente in un campionato con così tanti giovani, e non a caso il vostro gol del pareggio è arrivato in un momento di bolgia dietro la porta di un ragazzino di 19 anni”.

Ci siamo lasciati prendere anche noi, durante la diretta web. Dopo quattro minuti dal vantaggio ospite, annotavamo già: “Incredibilmente lo stadio si è acceso al momento del gol, tifo da pelle d’oca” e poco dopo il gol di Napolano “Riviera infiammato ancor più che in precedenza… Che stadio, che pubblico, da impazzire!

Al 19′ “rossoblu di fuoco e fiamme, Riviera che è una bolgia indescrivibile“, poi “20′ Bolgia rossoblu e Napolano è il condottiero“. E se anche il gol di Mengo non fosse arrivato, eravamo pronti a scrivere che, al di là della prestazione e del risultato, sarebbe stata comunque una bella domenica perché per almeno un quarto d’ora avevamo rivisto il “Sambodromo“.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.564 volte, 1 oggi)