SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’affare si ingrossa. La tassa di soggiorno è pronta a diventare realtà e conquista addirittura il nord delle Marche, interessato e coinvolto dal progetto lanciato da San Benedetto del Tronto. Già capofila di molti Comuni costieri che si estendono da Cupra Marittima fino a Giulianova.

A Pesaro, Fano, Senigallia, Marotta e Gabicce vogliono emularci. Una volta tanto il nord aderisce a qualcosa lanciato dal Piceno”, scherza l’assessore al Turismo Margherita Sorge che, nella mattinata di lunedì, ha nuovamente incontrato il sindaco di Grottammare Luigi Merli, quello di Cupra Marittima Domenico D’Annibali con l’assessore al Bilancio Susanna Lucidi, e gli assessori al Turismo di Giulianova e Martinsicuro, Archimede Forcellese e Patrizia Ciufegni.

“C’è un accordo di massima – conferma Merli – dobbiamo trovare delle risorse per continuare a garantire i servizi turistici, come l’arredo urbano, la pulizia della spiaggia, il mantenimento delle bandiere blu. E’ difficile fare le nozze coi fichi secchi, ora si tratta solo di incontrarsi con le associazioni di categoria”.

Tutto lascia quindi presagire che si arrivi a breve ad un’ufficializzazione della proposta, stimata nella cifra di un euro, che verrebbe emanata col bilancio di previsione del 2012. Un “male necessario”, come lo definiscono gli stessi amministratori, che sarà uniforme su tutto il territorio con l’intento di non applicare una tassazione elevata sui clienti: “Vogliamo pesi il meno possibile, il turismo è l’unica azienda sana e florida ancora in circolazione, bisogna sostenerla”.

La Sorge discuterà giovedì prossimo con le associazioni di categoria in un faccia a faccia che dovrebbe rivelarsi definitivo: “Non tutti i mali vengono per nuocere. Questa situazione ha fatto sì che località vicine tornassero a parlare tra loro in un clima di solidarietà”.

Propositivi ma meno entusiasti Merli e D’Annibali, polemici con Palazzo Raffaello per alcuni ritardi legati alla comunicazione dei dati di affluenza in Riviera: “Grottammare e Cupra non hanno ricevuto nulla, non è accettabile”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 397 volte, 1 oggi)