GROTTAMMARE-FORTITUDO FABRIANO 2-0 (1°T. 0-0

GROTTAMMARE: Calvaresi (93) , Adamoli, Federico Ruggeri, Adorante, Silvestri, Ludovico Capriotti, Gaibo Mouele (94) , Simoni (90’Angelini 93), Ludovisi, Nardini, Cesani ( 59′ Jari Iachini). A disposizione: Addazi, Valerio Valentini, Francesco La Grassa (94) , Pagliarini e Ze Peres (93). Allenatore: Luigi Zaini.
FORTITUDO FABRIANO : Tamburini , Mandolini, Cristiano Ruggeri , Moretti (59′ Giovannini), Stamate, Filippo Angradi , Tittarelli (95)-(51′ Teodori 95), Biocco , Marziani (73′ Latini 93), Jachetta (93) , Ciufoli . A disposizione: Annibali, Lucarini, Granci e Cervigni. Allenatore: Daniele Polselli (al posto dello squalificato Mario Vivani)
Arbitro: Manuel De Luca di Pesaro coadiuvato dagli assistenti Davide Ciabattoni ed Ivo Esposito, entrambi di Ascoli Piceno.
Reti: 53′ Ludovisi (G), 88′ Nardini (G).
Ammoniti: Ciufoli (F.F.), Simoni (G), Angradi (F.F.), Nardini (G),Ludovico Capriotti (G) e Tamburini (F.F.).
Angoli: 2-5.
Recuperi: 2’+4′.
Spettatori: 120 circa.
Annotazioni: Grottammare in casacca azzurra con bordi bianchi, Fortitudo Fabriano in divisa bianca con risvolti rosso-blu.
Note: All’88’ Nardini (G) sbagliava rigore (parato da Tamburini) ma poi ribadiva in rete.
Curiosità: La gara della scorsa stagione giocata sul neutro di Offida era finita 1-2 (18′ De Angelis [G], 23′ Ferretti , 45′ La Mantia ) per la Fortitudo Fabriano.

GROTTAMMARE- Il Grottammare ha riscattato il ko di Macerata e l’eliminazione (pur avendo battuto mercoledì l’Atletico Truentina) dalla Coppa Italia d’Eccellenza, battendo col classico punteggio all’inglese (2-0) tra le mura amiche del Pirani la Fortitudo Fabriano (che arrivava da 2 risultati utili consecutivi). La vittoria odierna dei rivieraschi è stata però molto meno agevole di quanto dica il risultato finale. I padroni di casa infatti prima di sbloccare la contesa hanno faticato ad avere ragione degli ospiti ben messi in campo e bravissimi soprattutto nel primo tempo a chiudere tutti gli spazi.
E così dopo una prima frazione noiosa ed avara di emozioni, nella ripresa la squadra di Zaini ha dapprima sbloccato il match con un gran gol del ritrovato bomber Ludovisi (al 1° centro stagionale) e poi raddoppiato col suo attuale capocannoniere principe Nardini (al 4° centro stagionale) il quale prima di firmare il 2-0 aveva commesso un errore dal dischetto poi per l’appunto prontamente corretto in rete.
Grandi i meriti del Grottammare capace di vincere con cinismo una partita che poteva tranquillamente finire in parità. Ottimi anche i segnali derivanti dal successo con la certezza di avere un gruppo di carattere e con all’interno singoli dotati di grandi colpi come i già citati Ludovisi e Nardini, ma anche Cesani, Iachini e l’affidabile under congolese Gaibo Mouele nonchè una difesa ed un centrocampo che appaiono in crescita.
Ci sono però da segnalare due clamorosi errori arbitrali per fortuna evitati, che potevano falsare la gara ai danni dei biancocelesti. I due errori li stava per commettere il direttore di gara Manuel De Luca di Pesaro prima espellendo per una errata doppia ammonizione Ludovico Capriotti (ammonito invece una sola volta) e poi annullando il 2-0 dei locali per un’inesistente fuorigioco ma in entrambi i casi è stato aiutato dal 1° assistente Davide Ciabattoni di Ascoli Piceno che lo ha corretto e dunque salvato dall’abbaglio.

La cronaca: Al 4′ Ludovisi giunto a tu per tu con Tamburini proteso in uscita, scaricava la sfera addosso all’estremo ospite, riprendeva Adorante la cui girata a rete risultava debole e veniva bloccata senza patemi da Tamburini.
Al 15’ una punizione di Jachetta (autore di una tripletta domenica scorsa nel 3-2 della Fortitudo sull’Urbania) veniva deviata sul fondo da Calvaresi.
Al 31′ grande serpentina di Jachetta che entrava in area dalla sinistra e calciava in diagonale con sfera che sfiorava pericolosamente il palo destro.
Poi non succedeva più nulla fino alla fine di un pessimo primo tempo che si chiudeva a reti bianche.
Ripresa decisamente più vivace.
Al 53′ giungeva il vantaggio del Grottammare. Ludovisi servito da Nardini entrava in area dalla sinistra e tirava fuori dal cilindro uno straordinario pallonetto che si infilava sull’angolo alto destro. Un’euro gol che sbloccava un match fino ad allora opaco.
Al 74′ il nuovo entrato nelle file ospiti Latini sottomisura sparava alto.
Un minuto dopo (75′) granchio clamoroso preso dal direttore di gara che dopo aver giustamente ammonito Ludovico Capriotti per un fallo di mano a centrocampo estraeva il rosso pensando erroneamente che si trattasse di doppia ammonizione. Si scatenava una grossa contestazione dei locali in soccorso dei quali interveniva il 1° guardalinee Ciabattoni che correggeva l’errore arbitrale riportando la quiete.
All’87’ arrivava l’episodio che chiudeva il match. Contropiede ospite con Ludovisi che servito (o meglio dire smarcato) splendidamente da Gaibo veniva steso in area dal portiere Tamburini (il quale veniva ammonito per il fallo che poteva anche essere giudicato da ultimo uomo). L’arbitro indicava il dischetto. Dagli undici metri andava Nardini che si faceva respingere la sua centrale conclusione da Tamburini ma poi era lesto a ribadire in rete . Il direttore di gara però forse convinto che la sfera fosse stata ribadita in rete dopo aver colpito il palo e frastornato dalle proteste ospiti in un primo momento annullava il gol per fuorigioco ma poi tornava sulla sua decisione ancora una volta con l’aiuto dell’assistente Ciabattoni che aveva visto meglio la dinamica.

Con questo successo il Grottammare sale al 2° posto assieme a Biagio Nazzaro, Cagliese ed il redivivo Tolentino. Domenica i rivieraschi saranno ospiti del fanalino di coda Real Montecchio reduce da 4 ko consecutivi ultimo dei quali il pokerissimo subito a Corridonia ed unica squadra ancora a secco di vittorie.
Mentre la Fortitudo con questo ko (il 3° stagionale, il 2°esterno) è terz’ultima a pari punti con la Forsempronese.Domenica la compagine di Vivani cercherà riscatto ospitando la Belvederese reduce da 3 ko consecutivi, ultimo dei quali quello interno col Tolentino.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 334 volte, 1 oggi)