CUPRA MARITTIMA – Le radici culturali e storiche comuni sono fondamentali per elaborare progetti e strategie condivise, idonee a salvaguardare, tutelare, far conoscere e tramandare, anche nei momenti di crisi, il grande patrimonio culturale del nostro Paese e del nostro territorio.

Cupra in questa occasione vedrà aperto il Museo Archeologico del Territorio nei giorni 24 e il 25 settembre. L’istruzione scolastica e il pubblico potranno visitare le sale soffermandosi sui molti oggetti e collezioni, in una visita libera. Il museo con i suoi relativi laboratori Didattici sulla Preistoria con “L’uomo e la selce” a cura di Giovanni Ciarrocchi, Civiltà Picena “lavorazione dell’argilla con e senza la ruota a pedale” a cura di Anna Maria Bozzi, Realtà Romana “storia e produzione del mosaico” a cura di Germano Vitelli, si mette a disposizione di chiunque voglia mirare le eccellenze e la ricchezza del nostro passato. Verranno proposte infine tecniche di riproduzione con il laboratorio di sperimentazione calchi.

L’iniziativa si propone di aumentare la consapevolezza dei cittadini nei confronti della grande ricchezza culturale e storica italiana e del nostro territorio in particolare.

Queste giornate sono volute dal consiglio d’Europa e sono dedicate al dialogo e alla conoscenza reciproca delle radici culturali dei paesi componenti. All’interno della manifestazione internazionale la nostra sovrintendenza organizza una serie di iniziative in collaborazione i  musei civici della regione Marche e istituzioni culturali pubbliche e private. Saranno quindi gratuiti gli ingressi a musei, gallerie e zone archeologiche del nostro territorio in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

L’ingresso al Museo è libero e gli orari di apertura sono: ore 16:30 alle 19:30 sia per sabato 24 che per domenica 25.

Per informazioni: Museo Archeologico del Territorio di Cupra Marittima in Via Castello, 5 telefono: 0735-778561, fax 0735-778622, info: ladeq@siscom.it- archeo@siscom.it- wwwarcheocupra@siscom.it.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 159 volte, 1 oggi)