MARTINSICURO – Non si placano le polemiche sulla riconversione del campetto sportivo nel quartiere Anfiteatro, smantellato per fare posto ad un parcheggio. Un impianto molto frequentato dai giovani della zona, tanto che spesso ha anche suscitato lamentele da parte dei residenti per gli schiamazzi a qualsiasi ora del giorno. “Sicuramente la noncuranza e la scarsa disponibilità dimostrata dall’attuale amministrazione – afferma Città Attiva – nei confronti di chi chiedeva una mano per gestire quella semplice struttura, ha fatto in modo che la stessa venisse male utilizzata da persone che in questo modo hanno causato anche disagi ai residenti”.
La struttura, sebbene presente da anni nel quartiere Anfiteatro, non era a norma, poiché non inserita sul Piano Regolatore, che al suo posto prevede invece un parcheggio. Da qui la decisione dell’amministrazione di ripristinare la destinazione d’uso originale.

“Si è deciso di posizionare dei parcheggi – prosegue Città Attiva – non perché siano effettivamente necessari in quella zona (cosa di cui ci permettiamo di dubitare) ma semplicemente perché previsti dal Piano Regolatore, strumento quest’ultimo che i nostri politici sono sempre disponibili a modificare quando si tratta di rendere conto al potente di turno, ma che diventa norma rigida ed inviolabile quando si ha a che fare con il comune cittadino”.

Il campetto fin dalla sua realizzazione è sempre stato molto frequentato, tanto da diventare un punto di aggregazione per i ragazzi del quartiere. “Se il motivo vero – prosegue l’opposizione – fosse stato il ripristino della regolarità di destinazione dello spazio, questo obiettivo poteva essere raggiunto già all’indomani dell’insediamento di questa inconcludente maggioranza. Chissà perchè – conclude il gruppo di opposizione – quando si tratta di mettere a posto una struttura destinata ai nostri ragazzi c’è sempre il problema dei soldi che mancano, mentre quando si tratta di distruggerla, basta una semplice richiesta di preventivo et voilà, i fondi saltano fuori”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 212 volte, 1 oggi)