DI VINCENZO 7,5 Le impressioni di questo inizio di campionato sono state confermate. Interventi sempre precisi e un paio di salvataggi importanti, bellissimo su Costa Ferreira quando si allunga col piede.

MARINI 6,5 Genchi, chi era costui? Con i compagni di reparto lo imbavaglia a dovere. Un paio di piccole disattenzioni.

NICOLOSI 7 Trasformato rispetto al giocatore titubante a cui c’eravamo abituati. E’ al suo terzo campionato alla Samb e si vede: non sbaglia nulla, è sempre deciso e non si vede per nulla che è un “under”.

GRAMACCI 7 Forse per il cambio di posizione, da centrale a laterale, forse per una normale crescita. Molto buono il suo primo tempo quando si fa vedere anche in fase propositiva, mentre nella ripresa ha un approccio più “contenitivo”.

PUGLIA 7 Che bella sorpresa: sopratutto nel primo tempo dimostra che Palladini ha visto giusto, difatti in settimana sembrava avere un passo in più. Quantità e qualità e tanta generosità. Nella ripresa cala di intensità e sta attento soprattutto a chiudere gli spazi. Quando arriva Santoni si fa più difficile.

MENGO 8 Se è la Samb delle rivincite, lui è il primo. Gara impeccabile, senza errori, comanda la difesa alla perfezione e compie un vero miracolo quando salva un pareggio già fatto tuffandosi di testa, sulla linea. Da quel momento Genchi perde le staffe e, dopo la sua espulsione, la partita finisce, o quasi.

ZAZZETTA 7 Altra ottima conferma dopo un avvio di campionato perfetto. Gara puntigliosa, con un primo tempo alla grande sulla corsia sinistra e una ripresa fatta di tanto sacrificio su due tipetti come Ambrosini e Santoni. E’ lui l’uomo della svolta rispetto ad un mese fa: in difesa dà tanto equilibrio all’intero comparto. Seconda giovinezza.

RULLI 7 Il capitano sbuffa e fa legna in mezzo, come da curriculum. Ha la fortuna di avere alcuni ragazzi intorno con un cuore grande così, come lui.

PAZZI 8 E’ un cecchino micidiale e capitalizza al massimo l’unica vera occasione. Gente come Genchi e Ambrosini hanno ancora da imparare.

DI VICINO 7,5 Averlo, è diverso. Mette sulla testa di Pazzi il gol-partita, e quando ha la palla tra i piedi fa sempre la giocata migliore. Non deve mollare, deve tornare in forma piena e trascinare lontano la Samb.

CUCCU’ 7,5 Non più la sorpresa di un campionato anonimo, come un anno fa, ma una conferma ad altissimi livelli per questo 1993 dalla corsa infinita e dal buon gioco di gambe. Finisce coi crampi ma quanti palloni ha toccato. Davvero un jolly.

D’AGOSTINO s.v. entra nel finale e dà il suo contributo.

VOINEA s.v. Fa valere la sua stazza e nel finale tiene palla.

NAPOLANO 7 Degno sostituto di Di Vicino, è più mobile ma meno tecnico. Sfiora il 2-0.

PALLADINI 7,5 Che rivincita: azzecca tutti gli uomini al posto giusto, dal ritrovato Zazzetta a Cuccù e Gramacci, dall’ingresso importante di Puglia alle motivazioni di Di Vicino. Non è una Samb ammazza-campionato ma aver fatto tornare sulla terra la formazione un po’ troppo supponente di Favo è una grande soddisfazione per tutto l’ambiente. Ancora qualche limatura e la Samb sarà tra le squadre da battere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.510 volte, 1 oggi)