SAN BENEDETTO DEL TRONTO –  Definire il piano tariffario per la prossima stagione estiva entro il 30 settembre. Una scadenza ferrea per gli imprenditori turistici balneari alle prese con il programma “Istrice”.

“Il cliente viene sempre al primo posto e la tariffa deve tener conto dei servizi di ristoro, i servizi per i bambini, i servizi di spiaggia e soprattutto gli spazi fra ombrellone e ombrellone – sostengono – A qualsiasi turista chiediate cosa più lo fa soffrire, la risposta sarà sempre quella legata alla postazione in spiaggia il cui costo deve tener conto del minor numero di ombrelloni. Il sistema tariffario – proseguono gli imprenditori – deve essere tarato in base alle aspettative del cliente e al suo grado di soddisfazione”.

In caso di dubbi operativi l’Itb si dice pronta ad offrire agli imprenditori turistici balneari il proprio aiuto attraverso suggerimenti, consigli, supporti tecnici e organizzativi.
Ed è la stessa Itb pronta a lottare contro la famigerata direttiva europea Bolkestein che impone le gare europee per il rinnovo delle concessioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 183 volte, 1 oggi)