COLONNELLA – Settecento firme raccolte in pochi giorni e un appello al Vescovo affinchè don Claudio Marchetti resti nella parrocchia di San Cipriano a Colonnella. Sono in rivolta i fedeli colonnellesi a seguito della decisione di Monsignor Gervasio Gestori di trasferire il sacerdote 43enne per destinarlo a mansioni presso la Curia Vescovile. Don Claudio, originario di Villa Rosa e giunto a Colonnella da Montalto Marche lo scorso mese di gennaio, in sostituzione di don Antonio, scomparso a causa di un brutto male, si è subito conquistato l’affetto e la stima dei parrocchiani, catalizzando anche l’interesse e l’attenzione di tanti giovani.

Il trasferimento del prelato ha suscitato le proteste dei parrocchiani, che si sono mobilitati con numerosi appelli affinchè la Curia receda dalla decisione. Non sono mancati inoltre i numerosi attestati di affetto e solidarietà nei confronti del sacerdote. Ultima delle iniziative le firme raccolte: oltre 700 in pochi giorni, consegnate al Vescovo con una lettera di motivazioni a sostegno della permanenza di don Claudio in paese. Intanto in settimana è arrivato nella parrocchia di San Cipriano il nuovo sacerdote, don Renato Pegorari, in precedenza in servizio a Comunanza. Ma i fedeli, che lo hanno comunque accolto con grande cordialità, non demordono e sperano che le iniziative di protesta messe in atto possano indurre il Vescovo a riconsiderare il trasferimento, permettendo a don Claudio di fare ritorno a Colonnella.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 938 volte, 1 oggi)