Intervista di Massimo Falcioni. Riprese e montaggio a cura di Maria Josè Fernandez Moreno. Per visualizzare l’intervista, clicca sull’icona rettangolare in basso a destra

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La pesca sambenedettese può sorridere con la costituzione ufficiale, nella giornata di mercoledì, del comitato di gestione del Gac Marche Sud, il gruppo di azione costiera che ingloba sei Comuni – Grottammare, Pedaso, Porto San Giorgio, Civitanova e Porto Recanati – con San Benedetto eletta città capofila.

Il Gac rappresenterà l’anello di congiunzione con l’Europa, tramite la rete Fep che, a partire dal primo gennaio 2012 dovrebbe concedere contributi per un totale di circa 1,6 milioni di euro. Una parte di questi arriveranno tramite proposte di privati: “Avremo la possibilità di gestire i soldi – dice l’assessore alla Pesca, Fabio Urbinati – scegliendo quali attività finanziare e quali bandi emettere a beneficio del porto”.

Faranno parte del Gac anche le associazioni di categoria Federpesca, Federcopesca, Legapesca, Co.vo.pi, le Camere di Commercio di Ascoli e Fermo, Confindustria e Confcommercio Ascoli e Confesercenti Macerata.

Membro del Comune di San Benedetto nel Comitato di Gestione sarà Settimio Capriotti: “E’ una grande soddisfazione, ho lavorato ai Gac sin dall’inizio, penso sia uno strumento valido per mettere la marineria al riparo dalla crisi”.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 660 volte, 1 oggi)