SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un Albula più sicuro, con costi anche inferiori a quanto preventivato inizialmente. La ditta Cav. Emilio Giovetti srl di Modena, con un ribasso di oltre il 30% sull’importo a base d’asta, si è aggiudicata provvisoriamente la gara per l’appalto degli interventi di messa in sicurezza del torrente Albula. L’importo a base d’asta era di un milione e mezzo di euro, per l’esattezza € 1.541.388,69, e la ditta vincitrice ha offerto un importo ribassato di 1.073.253,53 euro, con un’economia di gara quindi di ben 468.135,16 euro. Da evidenziare che sono state ben 157 le offerte ammesse alla gara.

“Ora partiranno le verifiche di legge sulla documentazione presentata da parte dei nostri uffici – spiega l’assessore ai lavori pubblici Leo Sestri – con l’obiettivo di arrivare alla consegna del cantiere entro la fine dell’anno. La ditta avrà poi 420 giorni per ultimare le opere che, lo ricordo, hanno un duplice obiettivo: aumentare la sicurezza idraulica del torrente e, nel contempo, avere le massime garanzie per gli interventi di riqualificazione del tratto urbano dell’alveo dell’Albula che sono iniziati, come la nuova pista ciclabile, o che devono iniziare, come la riqualificazione della parte finale del torrente”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 375 volte, 1 oggi)