SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E adesso ad Ancona. Comunque la si giri, la coperta della Samb pare sempre un po’ troppo corta e le “toppe” messe negli ultimi giorni di mercato (l’under di centrocampo Gramacci e il fantasista Di Vicino) non hanno del tutto aiutato a trovare la quadra della formazione rossoblu, che, specie a centrocampo, è ancora cantiere aperto.

Dopo aver cercato una difficile soluzione nella difesa a tre, la scoppola di Ancona ha aiutato Palladini a capire che giocare con due under su tre in mezzo al campo e due laterali un po’ troppo abbandonatisulle corsie esterne non era soluzione adatta a questo campionato. Ecco allora il Piano B: difesa a quattro.

Qui almeno si trova il posto per un under (Nicolosi o Falà), la qual cosa alleggerisce il centrocampo. Ma trovare un equilibrio non è cosa facile, almeno che Palladini non riesca a diventare un “mago della precarietà”, con formazioni giocoforza mutevoli sia nel corso delle partite che tra una domenica e l’altra.

L’esperimento Gibbs, innanzitutto. L’attaccante ha notevole prestanza fisica ma all’esordio in D è parso scivolare senza incidere. Giocare con due centravanti a questo punto sembra una chimera da abbandonare. L’arrivo di Di Vicino fa pensare ad una coppia di attacco Pazzi-Di Vicino quasi intoccabile. Il che, però, significherebbe sacrificare Napolano, giocatore comunque dalle buoni doti e utile in qualsiasi momento.

Perché se non si sceglie questa strada, a saltare deve essere Biondi, il che fa riproporre un centrocampo troppo leggero e senza un uomo d’ordine: gli effetti si sono visti nella gara contro la Vis, dove Rulli, giocatore di quantità, è andato in evidente difficoltà. A quel punto l’incastro degli under dovrebbe prevedere a destra Bordi (Cuccù o Bordi, aspettando Tidiane), a sinistra Storani.

E’ una possibile soluzione alla difficoltà notevole vista ieri nel centrocampo rossoblu.

Molti tifosi appaiono scoraggiati oltre le reali capacità di questo gruppo. Eppure, con un buon portiere, se la difesa dovesse reggere e il centrocampo venisse irrobustito dalla cerniera Bondi-Rulli, con Di Vicino (o Napolano) subito avanti, sperare nella verve di Pazzi e Di Vicino, due che in questa categoria possono vantare in pochi, potrebbe togliere molte castagne dal fuoco.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 642 volte, 1 oggi)