MARTINSICURO – Diciottenne polacca violentata da un extracomunitario clandestino di 36 anni. E’ questo il racconto agghiacciante fatto da una giovane ragazza dell’Est ai Carabinieri dopo l’esperienza vissuta qualche giorno fa in casa di un uomo che conosceva da tempo. In base a quanto sostenuto dalla diciottenne, che lavora come animatrice in una struttura turistica di Villa Rosa, il 36enne l’avrebbe convinta con una scusa a salire in auto, e poi l’avrebbe portata a forza nel suo appartamento dove sarebbe stata costretta a subire le sue attenzioni sessuali. L’extracomunitario è stato rintracciato dai militari dell’Arma e denunciato per sequestro di persona e violenza sessuale. Sulla vicenda indagano i Carabinieri del Nucleo Operativo di Alba Adriatica che stanno cercando di ricostruire nel dettaglio cosa sia esattamente accaduto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.236 volte, 1 oggi)