Intervista a cura di Massimo Falcioni. Riprese e montaggio a cura di Maria Josè Fernandez Moreno. Per visualizzare l’intervista, clicca sull’icona rettangolare in basso a destra

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La prima gara casalinga della Sambenedettese, contro la Vis Pesaro, non potrà ospitare più di 5500 spettatori. La conferma ufficiale è arrivata nella mattinata di giovedì da parte della Commissione di Vigilanza, che ha deciso di limitare l’ingresso dei tifosi sulla scia dei provvedimenti adottati già nella passata stagione.

“La Commissione si riunirà nuovamente quando la situazione subirà delle modifiche”, ha affermato l’assessore con delega agli Impianti Sportivi, Eldo Fanini. “Oggi non si è detto nulla di particolare, si è solo ribadito un qualcosa che era comunque trapelato”. Ossia che saranno agibili, provvisoriamente, solo la Curva Nord e la Tribuna Ovest, con la Curva Ospiti ed i Distinti ancora chiusi al pubblico.

I lavori di allestimento dell’impianto fotovoltaico dovrebbero teoricamente concludersi entro fine settembre, con Renato Ciarrocchi – che con la Troiani&Ciarrocchi si era aggiudicato il bando per la pannellatura del Riviera delle Palme – pronto a tendere la mano alla dirigenza rossoblu, nonostante le recenti frizioni con l’amministrazione comunale. Ciò significherebbe due match interni (compreso quello del prossimo week-end) ad ingressi limitati, anche se il presidente della Samb Roberto Pignotti nutre altre speranze: “Il suo auspicio – ha concluso Fanini – è quello di tornare alla normalità già con il Riccione, tra tre domeniche. Qualche chance c’è”. L’obiettivo è quello di ottenere il via libera per i 14.800 posti. Il più presto possibile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 881 volte, 1 oggi)