TERAMO – Due mesi di intensa attività per la Questura di Teramo, impegnata dal primo luglio al 31 agosto in una serie di servizi lungo la costa teramana da Martinsicuro a Silvi, in collaborazione con il Commissariato di Atri e le unità aggregate dal dipartimento della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo di Pescara e al personale della Polizia Stradale di Teramo.

Oltre all’ordinaria presenza sul territorio delle pattuglie, sono stati effettuati controlli straordinari in collaborazione con la Asl e la Croce Rossa per il contrasto alla guida sotto l’effetto di alcol e stupefacenti, in particolar modo nelle ore serali e notturne specie nei fine settimana nei pressi di discoteche e locali pubblici.

Numerosi controlli effettuati anche nell’ambito del contrasto allo sfruttamento della prostituzione (blitz in abitazioni e controlli su strada), all’abusivismo commerciale, all’immigrazione clandestina, in collaborazione con gli agenti della Polfer di Giulianova, la Guardia di Finanza, il Corpo Forestale, la Capitaneria di Porto e le Polizie Municipali. Non è mancato infine un qualificato contributo da parte del Reparto Volo di Pescara che ha assicurato la vigilanza aerea delle spiagge della provincia negli orari di maggior presenza di bagnanti.

“L’attenzione delle pattuglie – si legge in una nota della Questura – è stata rivolta con incisività non solo alla repressione dei reati, come si evince dai risultati particolarmente positivi nonostante il breve lasso di tempo di riferimento, ma, soprattutto, all’azione di prevenzione che ha portato al controllo di numerosissime persone e di veicoli, di cittadini extracomunitari, nonché di esercizi pubblici, specie di quelli segnalati dagli stessi cittadini quali ritrovo di pregiudicati, con l’applicazione da parte del Questore di 2 sospensioni dell’attività, ex art. 100 Tulps”.

(per visualizzare i dati delle operazioni cliccare sugli allegati a lato)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 172 volte, 1 oggi)