MONTEPRANDONE – “Largo ai giovani” è il nuovo motto dell’Handball Club Monteprandone. Sabato scorso i celesti si sono ritrovati al residence Borgo da Mare per la presentazione ufficiale della prima squadra ed il via alla stagione (il debutto il 1° ottobre, in casa contro L’Aquila).

Una delle sorprese di quest’anno è senza dubbio il cambio di allenatore: via il neo papà Pierpaolo Romandini, che resta però in qualità di dirigente, ed ecco Andrea Vultaggio (35 anni, siciliano, ex allenatore del Marsala). Ma tra le novità spiccano anche un paio di volti nuovi, entrambi classe ’89: il portiere Francesco Di Gialluca, ultima stagione all’Ascoli, e l’ala mancina ex Città Sant’Angelo, Gabriele D’Elia. I due giocatori sostituiscono Roberto Paolucci, passato al Chieti in A1, e Gabriele La Brecciosa, che a 43 anni pensa al ritiro. Un anno sabbatico per Danilo Sciamanna, che diventerà presto padre, mentre torna a giocare Sandro Veccia (l’anno scorso vice allenatore).

“Ho accettato la proposta di Monteprandone perché in questa dirigenza ho visto grande entusiasmo. E c’è un progetto di crescita”, ha dichiarato l’allenatore siciliano. A Vultaggio va anche la conduzione delle squadre under 18 (al posto di Felice Vecchione) e under 14. Giulia Cerisoli guiderà invece l’under 16 e l’under 12. “Speriamo di ripeterci. Le convocazioni nelle selezioni nazionali (dell’Under18, di Nepa e Giobbi, lo scorso maggio, ndr), sono un segnale che ci stimolano a fare sempre di più”. “Abbiamo un gruppo di Monteprandone giovane e unito – ha aggiunto il presidente Roberto Romandini -. E siccome ogni anno siamo sempre cresciuti, io dico che andrà bene anche stavolta”. Infine i dirigenti hanno ringraziato il Comune, rappresentato dal primo cittadino Stefano Stracci.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 527 volte, 1 oggi)