da RivieraOggi Estate numero 885 in edicola
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giovedì primo settembre alla Palazzina Azzurra l’associazione culturale “Il Rompibolle” terrà un concerto di beneficenza per sostenere l’Associazione AINA-onlus per il suo progetto “Villaggio Bimbi del Meriggio” che accoglie bambini orfani e sieropositivi del Kenya.

Nel concerto “Una stella cadente verso l’Africa” i “Rompibolle” eseguiranno canzoni tratte dal repertorio dei loro musical e accompagneranno lo spettatore in un percorso nel quale si toccheranno temi di attualità e di solidarietà, ma col brio e la vitalità che sempre li contraddistingue.

L’Aina (Associazione Italiana Nomadi dell’Amore) nasce a Roma nel 1993 come associazione laica di ispirazione cattolica senza fini di lucro. Ha lo scopo principale di difendere i diritti dell’infanzia e di promuovere l’autosviluppo delle popolazione dei Paesi del Sud del Mondo attraverso il sostegno a distanza e progetti di cooperazione internazionale.

Il villaggio-famiglia “Bimbi del Meriggio”, nel quale opera la psicoterapeuta sambenedettese Vittoria Quondamatteo, ha la finalità di creare un luogo che rappresenti per i bambini orfani affetti da HIV una vera e propria casa dove possono trovare affetto e cure mediche.

L’AINA – onlus con i suoi sponsor è impegnata nella costruzione di un Poliambulatorio Sanitario per i servizi di urgenza; verrà fornito, oltre che delle necessarie apparecchiature sanitarie, anche di moderne tecnologie telematiche di telemedicina che permetterà ai medici di rimanere in contatto con le realtà ospedaliere e professionali in Italia.

info@aina-onlus.it – www.aina-onlus.it

L’Associazione Culturale Musicale “Il Rompibolle”, che porta in scena musical con trama, testi, musiche e arrangiamenti del tutto originali, ha come fiore all’occhiello la Little Easter’s Band, che suona live. Dalla sua nascita, nel 2008, ad oggi, sia con il musical “Il Rompibolle”, che con performance prettamente musicali, l’Associazione “Il Rompibolle” ha avuto una densa attività con un positivo riscontro di pubblico e di critica, sia nelle Marche che in Abruzzo e in Molise.

Come mai il nome “Little Easter”, piccola Pasqua? Beh, deriva dal fatto che due importanti membri della meritoria associazione hanno lo stesso nome di battesimo, Pasqualino. Si tratta di Pasqualino Palmiero e di Pasqualino Piunti, che affianca alla sua carriera politica (è vicepresidente della Provincia di Ascoli in quota Pdl) la sua passione per il canto a fin di bene.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 316 volte, 1 oggi)