SAN BENEDETTO DEL TRONTO- I carabinieri della Compagnia di San Benedetto, al comando del Capitano Giancarlo Vaccarini, in collaborazione con una pattuglia del locale Comando della Polizia Municipale, nel corso della giornata di venerdì 26 agosto hanno  effettuato  controlli sul tratto di lungomare della Riviera, finalizzati a contrastare il fenomeno dell’abusivismo commerciale, in special modo la vendita di prodotti con segni falsi lungo l’arenile.

Tre pattuglie composte da  sei militari dell’arma, supportati, come detto da una pattuglia del locale comando della polizia municipale, hanno dato vita a serrati controlli.

A Porto d’Ascoli sulla battigia corrispondente alla concessione nr. 98 “Il Pinguino”, un cittadino senegalese di 49 anni residente a Martinsicuro è stato sorpreso mentre poneva in vendita 20 borse non griffate del valore stimato di circa 250 euro.

Al soggetto e’ stata contestata una violazione amministrativa per aver esercitato commercio su aree pubbliche, settore non alimentare, senza essere in possesso della prescritta autorizzazione che prevede una sanzione di 5.000 euro.

Nel tratto tra le concessioni balneari nr. 20 e nr. 66, sono stati controllati quattro venditori ambulanti, i quali, alla vista dei carabinieri si sono dati alla fuga, abbandonando, però circa 200 tra borse in pelle con marchi palesemente contraffatti, accessori in pelle, bigiotteria e occhiali da sole con segni falsi.

Tali controlli hanno  determinato un fuggi fuggi generale, tanto che per molte ore non sono stati notati altri venditori ambulanti abusivi, su tale tratto di lungomare. Il il valore delle merci sequestrate ammonta, complessivamente, a circa 2.500 euro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 612 volte, 1 oggi)