SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sentina, spiaggia libera anche di essere insozzata senza nessuno che pulisca? E’ l’interrogativo che ci poniamo dopo aver visto i cumuli di immondizia lasciati in spiaggia nel tratto appena a sud dell’ultima edificazione sulla costa, appena iniziata la Riserva regionale della Sentina.

Fino al tardo pomeriggio di venerdì 19 agosto i sacchi di immondizia che fotografiamo si trovavano ancora lì.

“Residui di Ferragosto”, ci dice il consigliere comunale dei Verdi con delega all’Ambiente Andrea Marinucci, che incontriamo vicino all’ingresso della spiaggia libera e che esortiamo a sollecitare la Picenambiente. Obiettivamente solerte nell’affrontare le tematiche ambientali del suo quartiere, ci aspettiamo da lui anche una tiratina di orecchie a chi di dovere, perchè i residui di Ferragosto possono essere concepibili il 15 pomeriggio, o al massimo il 16, non certo il 19 agosto.

Quei sacchi di immondizia lasciati lì così sono pessimi da vedere e sono anche un piccolo scandalo. Si tratta o no di una Riserva naturale? Si tratta o no della spiaggia libera più estesa di San Benedetto?

Infine un paio di considerazioni più generali. Alla fine degli anni ’90, una cooperativa che dava lavoro ad alcuni ragazzini puliva le spiagge libere quotidianamente. C’era così la manutenzione costante di un bene comune troppo spesso trascurato, e c’era anche un’opportunità di lavoro sano (ci si svegliava alle sei del mattino e si trottava con il rastrello lungo tutta la costa fino alle nove, chi scrive ne era testimone) per tanti studenti in vacanza.

Non si potrebbe ripristinare quel servizio? Costerebbe così tanto alle casse del Comune? Magari prendendo qualche migliaia di euro dai fondi destinati ogni anno a rimpinguare le scogliere (recuperandoli, tanto per dire, dai contributi economici contro l’erosione che ancora non si vedono da parte di concessionari balneari e albergatori), si potrebbe tornare ad offrire un servizio costante ed efficace di pulizia delle non sempre splendenti spiagge libere.

Infine una richiesta: ma si possono installare più cestini nella spiaggia libera della Sentina, che come giova ripetere è una Riserva Naturale? Qualcuno, non tantissimi. Giusto ogni tot metri, per non dover camminare tanto e tanto con bottiglie di plastica in mano raccolte sulla spiaggia per via dell’inciviltà di qualcuno…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.136 volte, 1 oggi)