SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un piccolo gioco per un grande obiettivo: la sicurezza balneare. Si è tenuta venerdì 19 agosto, presso la Lega Navale di San Benedetto, la manifestazione “Papà ti salvo io”, un progetto di attività ludica per l’educazione alla prevenzione e alla sicurezza sulle spiagge e in mare.

L’evento, frutto di una stretta sinergia tra Società  Nazionale di Salvamento, Lega Navale, Capitaneria di Porto e Protezione Civile,  ha visto come attori principali i bambini che, attraverso il gioco “Papà ti salvo io”, hanno imparato a rispettare le norme di sicurezza balneare e ambientale, nonchè le regole per effettuare un viaggio sicuro per andare al mare in automobile.

Attraverso la pratica ludica si è tentato di intraprendere un percorso metodologico in cui teoria e pratica convergono in un solo obiettivo:  far acquisire una cultura della sicurezza globale consapevole e valorizzare le possibili collaborazioni di diversi attori pubblici nei vari territori costieri e sensibili al tema dell’iniziativa promossa.

“In una città come la nostra – dichiara l’assessore Paolo Canducci – non poteva mancare un’iniziativa volta ad insegnare al bambino il giusto rapporto con il mare. Anche la protezione civile effettua continui aggiornamenti ed esercitazioni. Questo significa che San Benedetto è dotata di un gruppo sempre pronto ad intervenire”.

“Questo non è un lavoro di gruppo – spiega l’ex Comandante del Corpo Forestale e socio della Lega Navale Benedetto Ricci – bensì un lavoro di squadra che prevede la partecipazione di tutti. Educare giocando è efficace soprattutto perchè i bambini che vengono istruiti possono, a loro volta, trasferire le norme apprese ai propri genitori. Il senso di Papà ti salvo io è tutto racchiuso qui”.

Al termine della manifestazione è stato consegnato ai bambini partecipanti l’attestato diploma  “I am Baby Bay-Watch” e il kit contenente t-shirt, portachiavi, cappellini ed il gioco “Papà ti salvo io”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.020 volte, 1 oggi)