Castignano – Grande successo di pubblico e di critica per Templaria, il festival dedicato ai Cavalieri del Tempio, che, quest’anno, ha deciso di trasportare i visitatori “Dai Templari al Mondo”. Questo, infatti, il tema che nella XXII edizione è stato scelto dal conduttore di Voyager Roberto Giacobbo, che, nei panni di consulente storico, si è esibito durante la prima serata della manifestazione: “Templaria -ha esordito il giornalista Rai- ha ottenuto nel 2010 il Patrocinio del Ministero dei Beni Culturali mentre quest’anno il presidente della repubblica Giorgio Napolitano gli ha conferito una propria medaglia di rappresentanza”. Templaria Festival, per la sua originalità, il livello culturale e filologico, la bellezza della location, la capacità di insegnare attraverso un sano divertimento risulta apprezzata in un ambito che va ben oltre i confini nazionali, registrando presenze di pubblico da tutta Europa. “Un’eccellenza formalmente riconosciuta -ha continuato Giacobbo- tanto che quest’anno Templaria sarà segnalata sul grande schermo a livello nazionale, durante la prossima stagione di Voyager, in onda su Rai 2”.

Ricca l’offerta degli spettacoli: quasi trenta compagnie teatrali provenienti da tutta Italia si esibiscono a rotazione all’interno del circuito, a cui si uniscono i figuranti locali che animano il percorso con spettacoli itineranti.  Tra le compagnie più attese l’ATMO, che si esibirà il 18 agosto con “Le stagioni dell’amore”, allegoria dell’amore che “strugge le anime fino a farle piombare nell’abisso”. Lo spettacolo, con grande cura di particolari e attraverso l’uso del fuoco, luci, costumi, trampoli, richiama il mito dell’amore tra Plutone e Proserpina. La compagnia è una delle più apprezzate nel teatro di strada a livello europeo.

A chiudere la manifestazione, il 19 agosto, sarà la volta dell’OPLAS, che con lo spettacolo “La forza dell’invisibile” metterà in scena immagini a forte impatto visivo, chiudendo Templaria con suggestivi effetti pirotecnici.

Ma Templaria è anche cultura, come spiega Lino Corradetti, Presidente Pro Loco Castignano:  “quest’anno abbiamo deciso di dare alle stampe una monografia, dal titolo  CASTIGNANO E I TEMPLARI, a cura del prof. Girolamo Patrignani, che ripercorre il passato “templare” di Castignano, analizzandone le fonti storiche più accreditate e valutando le testimonianze ancora oggi presenti nella toponomastica e nell’architettura esterna del paese. Una esigenza resa improrogabile dalla curiosità di migliaia di visitatori che ogni anno prendono parte alla manifestazione, e che si chiedono su quali fondamenti storici sia basato il Festival”. Il libro è disponibile per la vendita al pubblico durante le serate di Templaria.

Gli appassionati del Medioevo potranno inoltre apprezzare l’importante opera Processus Contra Templarios, edita dall’Archivio Segreto Vaticano in edizione limitata, che riproduce fedelmente i verbali degli interrogatori cui furono sottoposti i Templari dall’Inquisizione romana prima che l’ordine venisse sciolto, nel 1314. Si tratta di una pubblicazione davvero prestigiosa, a tiratura limitata, in tutto il mondo ne esistono soltanto 799 esemplari, che presenta la trascrizione integrale degli atti del processo, corredati, per la prima volta, da un apparato critico e impreziositi dalla ristampa dei sigilli in cera rossa dei cardinali inquisitori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 329 volte, 1 oggi)