SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La solita storia, che si ripete puntualmente ogni anno. Tanto da far affermare alle forze dell’ordine che in fondo tutto rientra nella norma, con un leggero miglioramento rispetto al passato. La notte di ferragosto consegna a San Benedetto già dalla mezzanotte l’ormai nota vagonata di ragazzi sbronzi, in cerca di uno sballo che successivamente provoca disastrose e prevedibili conseguenze.

Una triste realtà che ha visto come testimone anche il sindaco Gaspari, molto duro nell’analizzare il preoccupante fenomeno: “Ci troviamo di fronte ad una degenerazione. Stiamo vivendo una situazione che non riusciamo ad evitare. E’ brutto vedere dei minorenni in certe condizioni”. Poi l’affondo: “Questa forma di contrasto non può essere affidata esclusivamente alla pubblica amministrazione, serve l’intervento delle famiglie. La colpa è di chi dà da bere a questi giovani. Se un figlio esce di casa con una cassa di birra, come fa un genitore a non dire e ad accorgersi di nulla? E’ una domanda che non possiamo non porci. In ogni caso è complessivamente un gran momento di festa. Purtroppo qualcuno cerca per forza gli eccessi”.

In compenso non si sono visti venditori abusivi di alcolici, letteralmente scomparsi dalla scena come confermato dal Comandante della Polizia Municipale, Giuseppe Coccia: “Gli irregolari sono stati quasi zero, lo riteniamo un grande passo avanti”.

Promossa pure la viabilità sul lungomare, col traffico interrotto nel tratto antistante l’ex-camping, sede del Super Summer Games: “La decisione di creare un’area pedonale s’è rivelata azzeccata”, ha proseguito Coccia. “Ha evitato la commistione tra auto e persone, tutelando quelli che, dopo aver alzato il gomito, avrebbero potuto pericolosamente ritrovarsi in strada al passaggio delle macchine”.

Operazione condivisa dal primo cittadino che tuttavia per il futuro ipotizza una differente sistemazione per la manifestazione ideata da Nico Virgili: “Il giardino di Zio Marcello non va più bene. In questo modo si spacca il lungomare in due e lo si blocca. Va trovato un posto migliore, magari nella spiaggia libera alla foce dell’Albula, dove già si installa la discoteca in occasione della Notte Bianca. Abbiamo investito molto in quest’area – ha concluso Gaspari – all’indomani di certi eventi la ritroviamo devastata”.

3 MILA RAGAZZI AL CONCERTO Confermato infine il successo del concerto del Summer Games, che ha radunato circa 3 mila giovani sino alle quattro. Nessun nome altisonante, a differenza delle passate edizioni che videro salire sul palco, tra gli altri, gli Sugarfree ed il duo Il Genio. Segni della crisi economica, a cui comunque si sta sopperendo. Gli appuntamenti proseguono il 15 con le “Letture in spiaggia”, la musica di “Sotterranea” ed il “Closing Party”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 3.987 volte, 1 oggi)