ALBA ADRIATICA – Il bar Crescenzi chiuso dalla Questura per 15 giorni. Dopo il provvedimento emesso a carico di un locale di Martinsicuro, la Questura è intervenuta anche nei confronti dell’esercizio commerciale di via Roma ad Alba Adriatica, chiuso per due settimane ai sensi dell’art 100 del Tulps.

A seguito di controlli effettuati dalla Polizia, sono stati trovati, in uno dei vani di cui è composto il locale, cittadini cinesi intenti a giocare ad un gioco in cui venivano utilizzate carte da poker e simboli cinesi. In un altro vano è stato trovato un preservativo usato, mentre è stato accertato che il bar è ritrovo di pregiudicati italiani e stranieri, tra cui anche extracomunitari non in regola con il permesso di soggiorno.

Il personale della Volante Mare, nell’ambito dei controlli effettuati nei dintorni del bar Crescenzi, ha identificato e deferito all’Autorità Giudiziaria 6 persone, di cui 5 stranieri risultati clandestini. L’italiano è stato denunciato per guida senza patente in quanto mai conseguita, mentre un tunisino di 29 anni è stato denunciato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio: a seguito della perquisizione domiciliare nella sua abitazione a Martinsicuro è stato ritrovato un quantitativo di cocaina e sostanze da taglio per il confezionamento delle dosi. Stamattina infine è stata effettuata un’ulteriore perquisizione domiciliare a casa di un napoletano residente ad Alba Adriatica dove è stato trovato un modico quantitativo di hashish per uso personale. L’uomo è stato segnalato alla Prefettura.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 507 volte, 1 oggi)