SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Prima che lo facessero gli automobilisti, a lamentarsi sonoramente per la situazione sulla Statale 16 all’altezza delle intersezioni con via Bianchi e via Voltattorni erano stati i pedoni.

A dichiararlo è l’assessore alla Viabilità Luca Spadoni che, interpellato sull’argomento, rivela di aver ricevuto numerose proteste da parte di chi quotidianamente deve attraversare a piedi via Silvio Pellico. Residenti non giovanissimi che per rientrare nelle abitazioni devono per forza di cose percorrere in quei punti l’Adriatica e che per le difficoltà incontrate hanno appunto chiesto la riaccensione dei semafori. “Da un lato esiste un problema di scorrevolezza del traffico che la presenza dei semafori non agevola, anche se va detto che in questi giorni di agosto il problema appare meno pressante. Dall’altro però esiste un problema sicurezza, pure per chi in auto deve immettersi sulla Statale”.

Ecco allora il raggiungimento di un compromesso sperimentale, che prevede l’attivazione degli impianti nelle fasce orarie di punta: dalle 7.30 alle 9.30 e dalle 12 alle 16, riportando la segnalazione lampeggiante nelle altre ore.

“E’ ovviamente un esperimento – prosegue Spadoni – in attesa di individuare una soluzione strutturale. I due incroci sono da sistemare”. A tal proposito si starebbe pensando ad una rotatoria di forma particolare (considerata la conformazione degli assi stradali in quel punto) legata ad un progetto già esistente che andrà recuperato ed eventualmente rivisto e finanziato. “Al momento questa ci appare la soluzione che può contemperare le diverse esigenze sopra descritte. Naturalmente siamo pronti ad accogliere proposte e suggerimenti, a condizione che tengano in debito conto le esigenze di tutti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 670 volte, 1 oggi)