SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I lavori per l’ampliamento dello scalo d’alaggio non saranno disturbati da quelli riguardanti la risoluzione della grana allagamenti in Piazza San Giovanni Battista e Piazza Garibaldi. Lo precisa l’assessore ai Lavori Pubblici, Leo Sestri, che nella mattinata di martedì ha incontrato i tecnici della Capitaneria di Porto per rassicurarli sulle operazioni che, seppur contemporanee, non creeranno alcun disagio.

Per evitare in futuro ulteriori “inondazioni”, che da anni interessano anche il tormentato incrocio tra via Calatafimi e via Roma, il progetto prevede la realizzazione di una vasca di raccolta in prossimità della banchina che attraverso delle nuove tubature possa accogliere le acque piovane. Queste passerebbero a lato del pontino lungo di via Faliero che, per forza di cose andrebbe a restringersi di almeno un metro e mezzo. “Si tratterebbe di un fastidio relativo dato che ci troviamo di fronte ad un passaggio esclusivamente pedonale. La vasca – prosegue – nascerà sulla terra ferma, non interesserà minimamente l’acqua se non per lo scaricamento finale”.

Il bando per il piano anti-allagamenti verrà pubblicato il 3 agosto e l’offerta dovrà essere presentata non oltre il 20 settembre. I lavori prenderebbero il via a metà novembre, mentre per quel che concerne lo scalo d’alaggio questi dovrebbero partire addirittura ad ottobre. “La vasca dovrebbe essere in funzione già dall’agosto 2012”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 429 volte, 1 oggi)