SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Il 13 luglio si è svolta presso l’ospedale civile “Madonna del Soccorso” la cerimonia d’intitolazione della Sala Convegni al dottor Lorenzo Giorgi che, dopo essere stato per cinque anni consigliere dell’Ente Ospedaliero, ne è diventato Presidente nel 1996. Presenti alla cerimonia i figli e le diverse Autorità religiose, civili e militari.

Il Direttore di Zona, dottor Antonio Maria Novelli, ha fatto “gli onori di casa”, ricordando come l’iniziativa sia sorta a seguito di diverse richieste, verbali e scritte, e accolta con favore dal Collegio di Direzione della Zona. Novelli ha sottolineato l’importanza di ricordare i protagonisti della nostra sanità che, con il loro esempio, testimoniano come si possa interpretare un ruolo ed una professione al servizio di una comunità. Ha concluso, infine, l’intervento leggendo una frase scritta dallo stesso dottor Giorgi alla chiusura del mandato presidenziale: “Con questi traguardi conseguiti si è chiuso un periodo della storia dell’ospedale, ma si può essere certi che il futuro sarà ugualmente produttivo per quelli che verranno chiamati ad operare dopo di noi ai quali, insieme all’augurio, lasciamo con soddisfazione l’eredità di opere e di responsabile impegno, nella continuità di un metodo che è stato democratico e di costante applicazione”. Hanno preso la parola, anche, la dottoressa Margherita Sorge, nella duplice veste di Assessore ai Servizi sociali in rappresentanza del Sindaco del Comune di San Benedetto del Tronto e di medico gastroenterologo del Presidio ospedaliero, il vicepresidente della Provincia di Ascoli Pasqualino Piunti, il Consigliere Regionale Paolo Perazzoli, il Segretario Provinciale della CGIL Francesco Neroni e Gabriele Cavezzi, ex amministratore dell’Ente Ospedaliero e noto storico sambenedettese.
Momento particolarmente emozionante della cerimonia è stato quando la Dottoressa Francesca Chiara Giorgi ha scoperto la targa dedicata al padre, poi benedetta dal Vicario del Vescovo, don Romualdo Scarponi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 434 volte, 1 oggi)