Samb. Innanzitutto una bella notizia: è quasi certo che il prossimo 13 agosto il Riviera delle Palme sarà teatro di un’amichevole di lusso tra i rossoblu e il Siena, squadra appena tornata in serie A dopo un campionato trionfale tra i cadetti. Pare che Mezzaroma abbia assicurato all’ex presidente rossoblu Sergio Spina la presenza dei bianconeri toscani.

Salvataggio. Cupra Marittima sembra intenzionata all’acquisto di una moto d’acqua da mettere a disposizione del servizio salvamento. Una scelta oramai indispensabile che in America viene adottatta da tempo, in Italia ce l’hanno già alcune importanti spiagge. E’ sicuramente il mezzo migliore per raggiungere nel minor tempo possibile i bagnanti in difficoltà. Non aggiungo altro se non le indicazioni riportate nel sito della Società Nazionale di Salvamento. Eccole:

L’utilizzo delle moto d’acqua come mezzi di soccorso e di intervento rapido,  si è rivelato in molti casi vincente. Infatti queste piccole imbarcazioni dotate di un potente motore azionato da idrogetto, oltre ad evitare il pericolo di ferire accidentalmente l’infortunato (l’elica è interna ad un sistema di propulsione blindato), riescono in modo facile e veloce ad intervenire, laddove le particolari condizioni meteo-marine con forti raffiche di vento o onde molto alte, impediscono l’utilizzo delle imbarcazioni di soccorso tradizionali.

Le moto d’acqua gestite da un pilota esperto, risultano manovrabili in qualsiasi condizione, inaffondabili, potenti, sicure e sopratutto sono in grado di garantire un intervento rapido senza perdita di tempo prezioso, che può essere determinante per salvare la vita di chi si trova in difficoltà. In caso di rovesciamento sono facilmente riposizionabili da un solo operatore e alcuni modelli sono dotati di speciali barelle per agevolare il trasporto del pericolante.

Il Comando Generale Corpo delle Capitanerie di Porto, per voce del Contrammiraglio Stefano Vignani, ha espresso il suo parere favorevole all’utilizzo delle moto d’acqua da parte dei Bagnini per l’attività di salvataggio, “…considerato che le caratteristiche di aderenza, di velocità e di tenuta sull’acqua indubbiamente maggiori di un comune pattino di salvataggio, nonchè ipotizzando un utilizzo anche in condizioni meteo-marine avverse, nulla osta da parte di questo Comando Generale all’eventuale impiego di acquabike per operazioni di soccorso.” Roma 20 dic. 2003 (Prot. 82/76655)

A questo corso potranno partecipare solo gli operatori del Soccorso Civile, Bagnini di Salvataggio in possesso della patente nautica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 984 volte, 1 oggi)