SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “L’ultimo Consiglio Comunale si è svolto, a nostro parere, correttamente. Appare abbastanza stucchevole la discussione sul ruolo della maggioranza e sui regolamenti”. Arriva immediatamente la replica stizzita di Claudio Benigni a Maria Rosa Ferritto, che nei giorni scorsi aveva apertamente contestato l’operato del presidente del Consiglio Comunale, Marco Calvaresi. “Forse sarebbe più utile informare  i cittadini su cosa abbiamo deliberato e come hanno votato i vari gruppi politici presenti in Consiglio. Siamo sorpresi del silenzio stampa e dei solerti collaboratori della consigliera Ferritto che, a fronte di tanto vociare  sui regolamenti, nulla hanno da dire sul fatto che la loro rappresentante inspiegabilmente prima ha chiesto la votazione separata per poi votare contro tutte le varianti che assegnavano definitivamente a verde pubblico alcune aree della città quali viale Buozzi, via Marinai d’Italia, l’area di via Sgambati ed il Parco Eleonora. Cosa significa questo? Significa che fino ad oggi un qualsiasi scellerato amministratore  avrebbe potuto riaprire al traffico  una via quale viale Buozzi, perchè non era stata mai cambiata la destinazione urbanistica di quell’area. Ora, invece, occorrerebbe una nuova variante  e quindi un iter amministrativo piuttosto lungo, se si volesse  riaprire al traffico quella zona”.

“Perché  la consigliera Ferritto – conclude – testimonial del Movimento ambientalista Cinque Stelle ha votato contro? Tante sono le ipotesi: forse non aveva capito l’argomento in discussione o forse vuole fare solo una opposizione pregiudiziale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 843 volte, 1 oggi)