MARTINSICURO – La riduzione delle Vele di Legambiente a Martinsicuro da 4 (nel 2007) a una (nel 2010) lascia perplessa la maggioranza Di Salvatore. Tanto che nella risposta scritta fornita dal consigliere delegato all’Ambiente Massimo Vagnoni al gruppo di minoranza di Città Attiva – che ha sollevato la questione e l’ha riproposta con un’interpellanza in Consiglio comunale – si legge tra le righe il disappunto per un declassamento che sembrerebbe immotivato. E se il Comune ha nuovamente ottenuto  anche quest’anno le certificazioni UNI EN ISO 14011 e Emas “a conferma – spiega Vagnoni – di quanto di buono il nostro territorio sappia esprimere in termini di qualità ambientale”, non altrettanto successo ha ottenuto con i riconoscimenti di Legambiente-Touring Club, che ha assegnato a Martinsicuro una sola vela su un massimo di 5.

La valutazione di Legambiente si basa su dati inerenti le caratteristiche ambientali e la qualità dell’ospitalità. I dati sono poi integrati dalle valutazioni espresse dai circoli locali e dall’equipaggio di Goletta Verde.

Il giudizio viene dato riferendosi a 7 macroaree, suddivise in paesaggio e territorio (stato di conservazione, grado di urbanizzazione della fascia costiera, presenza di aree protette); accoglienza e sostenibilità turistica (intensità e densità turistica, incidenza delle seconde case sulla complessiva capacità abitativa, presenza di produzioni tipiche, qualità dei servizi pubblici); mare e spiaggia (pulizia, presenza di spiagge libere, affollamento del litorale, presenza di servizi e sicurezza); sub (presenza di fondali interessanti per chi pratica attività subacquea e di servizi a terra come diving center e scuole sub); oltre il mare (luoghi di interesse storico-culturale, musei e siti archeologici); disabili (servizi per disabili motori); sostenibilità ambientale (raccolta differenziata, piste ciclabili, isole pedonali, produzione di energia da fonti rinnovabili, ecc). Il consigliere delegato all’Ambiente afferma che la progressiva riduzione delle Vele dal 2007 ad oggi lascia “piuttosto perplessi” e parla di “legittimi dubbi sui motivi che possano aver portato a tale declassamento”.

Proprio perché il Comune ritiene che dal 2007 al 2010 non ci siano stati sul territorio peggioramenti dei parametri di valutazione presi a riferimento per l’assegnazione delle Vele di Legambiente–Touring Club, nel luglio 2010 (anno in cui Martinsicuro ha ricevuto due vele) è stata inviata una richiesta di chiarimenti agli uffici preposti. “Richiesta – prosegue Vagnoni – rimasta senza alcun tipo di riscontro”. E proprio per chiarire i dubbi ancora insoluti, l’amministrazione è intenzionata a chiedere nuovamente un incontro ufficiale.

Vagnoni esprime riserve sul declassamento poiché sulla Guida Blu 2011 rispetto all’anno precedente sono stati eliminati per Martinsicuro simboli relativi ad accessibilità ai disabili e alla presenza di luoghi di interesse storico-culturale, nonostante la presenza del Museo Archeologico inaugurato nel 2009. “Legambinete dovrà darci le opportune spiegazioni in merito – aggiunge Vagnoni – poiché ciò che offriva il nostro Comune in termini di servizi non ha subito alcuna modifica”.

“In questi anni – prosegue – non vi è stata alcuna diminuzione di aree di pregio naturalistico (biotopi costieri), non sono diminuite le aree di arenile adibite a spiaggia libera, non sono diminuite le percentuali di raccolta differenziata, i dati relativi alle acque di balneazione sono rimasti costanti. E allora – considera Vagnoni – o non meritavamo in passato le 4 vele, oppure, ipotesi a mio parere più probabile, non vi è  stata in questi ultimi anni un’attenta e oggettiva valutazione della qualità del nostro territorio. Il mancato riscontro da parte di Legambiente dei rilievi effettuati dall’Ente – conclude – non fa altro quindi che alimentare ancora di più i nostri dubbi sull’esattezza delle valutazioni operate dagli enti preposti prima di arrivare all’assegnazione delle vele della Touring Club”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 231 volte, 1 oggi)