SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’opposizione lo ripete a più riprese: “Nessuno sciacallaggio sull’allagamento di martedì. La logica del Piove Governo ladro non ci appartiene”. Tuttavia non possono mancare le critiche, anche dure, per un disagio che puntualmente si conferma ogni volta che sulla città si imbatte il diluvio. “E’ durato appena 40 minuti – dichiara Pasqualino Piunti, affiancato dal capogruppo della Lista Gabrielli, Giacomo Massimiani – cosa sarebbe accaduto se si fosse prolungato per tre ore, come a Roma?”.

A detta dell’esponente del Popolo della Libertà, i problemi sarebbero sempre gli stessi e non possono essere eliminati con la chiamata in causa dell’eccezionalità: “Il sindaco parla di bomba d’acqua, non è una giustificazione. Siamo preoccupati dalla mancata programmazione, c’è l’incapacità di base a gestire queste situazioni. Sono anni che le problematiche esistono, sono pure stati fatti dei lavori, però non è cambiato nulla”. Chiaro riferimento al Pontino di Via Voltattorni (completamente inagibile), alla zona Agraria e soprattutto a Viale De Gasperi, interessato dai lavori recentemente: “Siamo disposti a collaborare, ma ci dicano qual è il problema, una volta per tutte. Abbiamo dato un’immagine pessima, in un periodo in cui gli abitanti raddoppiano”.

I consiglieri di centrodestra contestano inoltre le prese di posizione di Gaspari a caldo: “Ha detto: non usate i ponti quando piove. Non si possono dare certe risposte. E non si può nemmeno dare colpa alla Ciip. Il Comune dovrebbe far sì che la Ciip faccia bene le cose piuttosto”. Lo segue a ruota Massimiani: “Bisogna evitare questi consueti disagi e situazioni grottesche che si vengono a creare ogni volta che piove, è arrivato il momento di porre rimedio a questa situazione magari iniziando ad investire meglio gli introiti fiscali comunali. Qui urge il rifacimento della rete fognaria visto l’ormai indiscusso e comprovato malfunzionamento dell’impianto o sistema che dir si voglia, già esistente e compassato. non si sta dicendo nulla di nuovo ma solo cose che la cittadinanza sa da troppo tempo”.

Piunti infine riconosce l’errore commesso nella recente campagna elettorale dall’intera minoranza: “C’è rammarico per non essere stati incisivi su questo problema sentitissimo dai residenti”. Non è comunque escluso che la polemica prosegua giovedì in Consiglio Comunale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 449 volte, 1 oggi)