Notte Bianca. Ho ricevuto oggi il seguente comunicato che pubblico integralmente perché, altrimenti, le mie riflessioni potrebbero risultare meno comprensibili. Lo hanno inviato Maria Angellotti della Confcommercio e Sandro Assenti della Confesercenti.

In questi giorni abbiamo avuto modo di leggere sulla stampa notizie pro e contro la Notte Bianca. Come associazioni di categoria, Confesercenti e Confcommercio siamo fermamente convinti che la Notte Bianca deve assolutamente svolgersi anche quest’anno. Ci preme ricordare che questo evento è sorto su iniziativa dei commercianti in collaborazione tra le nostre categorie e l’amministrazione comunale. In un periodo difficile per la nostra economia, siamo convinti che certe manifestazioni vadano riproposte annualmente, magari apportando modifiche e miglioramenti. Per ottimizzare i costi si potrebbe valutare l’opportunità o no di fare la festa/discoteca sulla spiaggia.
Si fa presente che la città di San Benedetto in questa occasione diventa “centro focale” di tutto il Piceno assumendo quel ruolo leader che le compete. Auspichiamo dunque che nell’incontro di lunedì con l’amministrazione rappresentata dagli assessori al turismo e commercio, si possano trovare le giuste soluzioni non soltanto per salvare ma consolidare e rilanciare questa manifestazione che porta un benessere diffuso

Putroppo i 937 caratteri di cui sopra sono troppo evasivi per giustificare un articolo su un qualsiasi giornale o altro mezzo di comunicazione. Il succo è che la Notte Bianca è una bella cosa, che andrebbe ripetuta anche quest’anno e che lunedì gli assessori di turismo e commercio ne parleranno lunedì prossimo. Veramente poco, nessuna vera proposta o suggerimenti da parte di due associazioni che dovrebbero avere nel dna lo spirito del progresso intelligente. Dire poi che San Benedetto diventa “centro focale” del Piceno per la Notte Bianca è come dire che Castignano è il centro focale del Piceno per il “templaria festival”. Mi sembra abbastanza riduttivo per la seconda “località turistico-balneare di massa” dell’Adriatico dopo Rimini… fino a 20 anni fa. Mi aspetto altro dalle associazioni di categoria ma principalmente che certi incontri si facciano in primavera e non ad estate inoltrata. Sono certo che due persone intelligenti come Maria e mio cugino interpreteranno come… “input costruttivo”, e non come una una mia gratuita critica, il presente DisAppunto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 821 volte, 1 oggi)