CUPRA MARITTIMA – Un’altra giornata di studi dedicata alla ricerca storica e archeologica del culto della dea Cupra. Dopo il successo dell’incontro svoltosi il 14 maggio nella Sala Consiliare del Comune, l’Archeoclub tenta il bis con la giornata di studi che si svolgerà martedì 28 giugno alle 21 in piazza Possenti.

Ad aprire i lavori sarà Tiziana Capriotti, archeologa e studiosa delle antichità del Piceno, che esporrà i risultati del suo ultimo contributo scientifico pubblicato dalla rivista Hesperìa, dal titolo “Il santuario della dea Cupra a Cupra Maritima: una proposta di ubicazione”.

Seguirà una tavola rotonda cui parteciperanno Alberto Calderini, linguista e ricercatore presso l’Università degli Studi di Perugia; Mariano Malavolta, docente presso l’Università degli Studi di Roma, Tor Vergata e studioso del Piceno; Flavio Raviola, docente presso il Dipartimento di Scienze del Mondo Antico dell’Università di Padova; Lorenzo Braccesi, professore di storia greca presso l’Università di Padova, grande studioso della grecità in Adriatico e punto di riferimento internazionale sull’argomento; Elena di Filippo Balestrazzi, archeologa, professoressa presso l’Università di Padova e direttrice scientifica del progetto del Parco archeologico di Cupra Marittima; Patrizia Fortini, archeologa della Soprintendenza Speciale ai Beni Archeologici di Roma e profonda conoscitrice della realtà storica e archeologica di Cupra Marittima nella quale si sta impegnando ormai da parecchi anni.

Il presidente dell’Archeoclub, Vermiglio Ricci, afferma: “Siamo orgogliosi di proporre un’opportunità di dibattito e di crescita di tale qualità, ospitando a Cupra studiosi di spessore che pongono basi per la valorizzazione della realtà storico archeologica cuprense”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 347 volte, 1 oggi)