SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Brindisi e pasticcini. Marco Calvaresi celebra così il proprio insediamento nell’ufficio del presidente del Consiglio Comunale. Depositati in un angolo della stanza ancora gli oggetti personali del predecessore, Giulietta Capriotti, destinataria di ulteriori ringraziamenti: “Spero di poterla sostituire degnamente e di poter svolgere il compito come lei ha fatto per cinque anni”. Per far ciò servirà però immergersi nei regolamenti e nelle interminabili norme dell’assise, che Calvaresi sta studiando minuziosamente: “Sono entrato in contatto con una realtà che non conosco e devo prepararmi. Un conto è il sentito dire, un altro è il provare in prima persona. Voglio ricambiare la fiducia che mi è stata data, cercando di far valere al massimo il rispetto tra i consiglieri. L’etica non è un valore effimero, è fondamentale. Ognuno dovrà dare il meglio di sé”.

Il candidato sindaco del Nuovo Polo alle ultime amministrative non dimentica tuttavia le proprie competenze in ambito turistico e avverte: “So quello che posso dare in quel campo, se qualcuno vorrà chiamarmi in causa cercherò di essere utile. Ovviamente senza invadere il campo altrui o di sostituirmi agli assessori”.

LE CRITICHE DEL PDL Sull’opposizione del centrodestra alla sua nomina a presidente la replica è chiara: “Spero che alcune delle parole arrivate sabato dai banchi del Pdl siano frutto di un linguaggio politico e non riferite alla mia persona”.

IL 7 LUGLIO NUOVO CONSIGLIO Calvaresi ha già avuto modo di discutere con la segretaria generale e con alcuni dirigenti del Municipio. Il secondo Consiglio Comunale del Gaspari-bis si svolgerà già il 7 luglio e all’ordine del giorno compariranno punti inerenti il Bilancio e l’Urbanistica.

FRANCO TIRATORE Nel frattempo prosegue la “caccia” al franco tiratore della maggioranza che si sarebbe opposto all’elezione dell’esponente centrista. Che si nasconda proprio dentro al Partito Democratico?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.475 volte, 1 oggi)