SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Politichese: togliere la polpa per addentare l’osso. L’osso è questo: Marco Calvaresi sarà il nuovo Presidente del Consiglio Comunale di San Benedetto e l’Udc sarà zona grigia tra opposizione e maggioranza, pronta “a dare il nostro contributo per sostenere, laddove possibile, scelte forti e strategiche come il Piano Regolatore, la bretella, il porto e il lungomare” dice Calvaresi. Con l’alleato Futuro e Libertà che, dopo la scoppola elettorale, al momento è “assente giustificato” (qualcuno forse penserà che invece, all’incontro tra l’Udc e Gaspari, potesse essere presente ingiustificato…).

Questo è quanto emerge dalla nota stampa inviata dall’onorevole Udc Amedeo Ciccanti, presente insieme allo stesso Calvaresi e a Domenico Pellei, il consigliere comunale in quota Udc. Nota che ha appunto uno svolgimento polposo, che abbiamo disossato nell’apertura iniziale, e che, per i più affamati di dichiarazioni e verifiche, riproponiamo quasi integralmente di seguito.

“Una folta delegazione dei firmatari della costituente del Nuovo Polo Sambenedettese, guidata da Marco Calvaresi, si è incontrata con il sindaco Gaspari per verificare e approfondire la veridicità e fondatezza delle ricorrenti voci, più volte apparse sulla stampa, dell’intenzione della maggioranza che ha vinto le elezioni di votare alla Presidenza del Consiglio Comunale un rappresentante della minoranza, ossia Marco Calvaresi – si legge – Il sindaco Gaspari ha confermato tale ipotesi, in quanto volontà della coalizione che lo sostiene e soprattutto del Partito Democratico, per rafforzare a San Benedetto quel quadro di collaborazione con l’Udc che va sotto il nome di “modello Marche” (peccato non averlo mai sentito dire e neppure paventare come ipotesi prima delle elezioni e neppure nei quindici giorni del ballottaggio, a tutto vantaggio della trasparenza della politica che tutti dichiarano di voler perseguire, ndr).

“La scelta di Calvaresi rappresenta anche la sottolineatura dell’apertura verso l’elettorato moderato, al quale il Pd guarda con particolare interesse, al fine di restringere sempre di più l’area di insediamento elettorale della destra. Il sindaco ha anche riconosciuto la correttezza con cui le liste del Nuovo Polo hanno condotto la campagna elettorale, focalizzando il dibattito sui temi dello sviluppo piuttosto che sulle polemiche personali. Calvaresi e i capilista, con il consigliere comunale Udc Domenico Pellei, hanno apprezzato l’orientamento della nuova maggioranza, dichiarando la propria volontà – sempre sostenuta in campagna elettorale – di sviluppare un confronto costruttivo, distinguendo la propria funzione tra un ruolo di minoranza e uno di opposizione, con l’intento di fare proposte e concorrere alla soluzione dei problemi di San Benedetto piuttosto che esercitare una opposizione cieca e pregiudiziale” (se prima abbiamo dato un colpo al cerchio, ora uno alla botte: effettivamente questo è stato fatto intendere, ndr).

“A San Benedetto ci sono ritardi da colmare e problemi da risolvere – dice Calvaresi – e noi ci siamo candidati a governare e non a fare l’opposizione perchè abbiamo piani e uomini capaci di farlo, pertanto ci piace dare il nostro contributo per sostenere laddove possibile scelte forti e strategiche (Piano Regolatore, bretella, porto e lungomare) per rilanciare l’economia turistica di San Benedetto”.

Durante l’incontro Gaspari ha spiegato che renderà nota la composizione della giunta il giorno del primo consiglio comunale, dopo la nomina del Presidente del Consiglio, sabato prossimo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.627 volte, 1 oggi)