ASCOLI- Una scomparsa finita tragicamente in fondo al lago di Gerosa tra i comuni di Montemonaco e Montefortino. A ritrovare il corpo, verso le ore 11 di giovedì 2 giugno, i sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Ascoli avvisati dai Carabinieri. Non ci sono dubbi sulle modalità della morte. Si tratta di un gesto estremo compiuto da Massimiliano Massetti, nato a San Benedetto del Tronto, classe 1965.

L’uomo, residente a Pescara, era scomparso nella giornata di mercoledì 1 giugno verso le ore 11. E’ stata la stessa madre a dare l’allarme, anche alla trasmissione “Chi l’ha visto?”, dopodiché sono iniziate immediatamente le ricerche.

Alle ore 13,50 di mercoledì veniva trovata la sua autovettura in contrada Arato di Montemonaco. Dentro, sul sedile anteriore, un biglietto che non lasciava dubbi sulle intenzioni dell’uomo. Ora si indaga sui motivi che hanno spinto l’uomo al gesto definitivo. Non si esclude lo stato di depressione psichica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.374 volte, 1 oggi)