SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Partito la sera di lunedì 23 maggio un intervento straordinario “in notturna” da parte della Picenambiente, per ripristinare la “linea di costa” del litorale utilizzando sabbia prelevata dai punti cosiddetti di “sovrasedimentazione” e distribuita poi nel tratto più colpito dall’erosione negli ultimi anni, dalla concessione n. 19 nelle due direzioni, fino a esaurimento del materiale disponibile. Un tratto ulteriormente protetto dalle rinnovate scogliere, in virtù dell’altro intervento in corso a difesa dell’arenile, su progetto e con un finanziamento di oltre un milione di euro da parte della Regione Marche.

La Picenambiente completerà il suo intervento in una settimana, lavorando dalle ore 20 alle 7, dopo aver già completato la pulizia della sabbia, mediante filtraggio dai residui che si depositano sulla spiaggia nel corso dell’inverno. Quanto alle scogliere, la ditta Imeco srl di Napoli sta lavorando in maniera spedita e si accinge a iniziare l’intervento sulla quarta delle nove scogliere che da soffolte dovranno diventare “emerse”. In ogni caso è pressoché scontato che l’intervento progettato sui massi verrà interrotto a fine giugno, per essere completato dopo l’estate.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 327 volte, 1 oggi)