TERAMO – Autobus con 15 bambini si ferma su un passaggio a livello mentre si chiudono le sbarre. E’ stato un episodio conclusosi per fortuna solo con un grosso spavento quello che accaduto stamattina verso le 7,45 all’altezza del passaggio a livello di Teramo Cartecchio, quando uno scuolabus è rimasto bloccato fra le sbarre abbassate del passaggio a livello. All’origine dell’incidente l’incauta manovra dell’autista, che in violazione a qualsiasi norma di prudenza, in presenza di una coda dovuta al traffico invece di fermare il mezzo prima dei binari, ha provato ad accodarsi all’ultima vettura per attraversarli, fermandosi sulle rotaie. Non ha considerato però che a quell’ora era previsto il passaggio del treno, e di conseguenza le sbarre del passaggio a livello hanno cominciato ad abbassarsi.

Subito considerato il pericolo in cui si trovavano, l’autista e l’assistente a bordo hanno fatto scendere i bambini mettendoli in sicurezza al di fuori della sede ferroviaria. Poi ha spostato il mezzo parcheggiandolo in posizione parallela ai binari per permettere il passaggio del treno. Intanto sono stati chiamati i soccorsi e sono state avvisate le Ferrovie dello Stato che hanno provveduto a rallentare il mezzo in transito, il quale è passato senza danni.

Quando è sopraggiunta la pattuglia della Polizia Stradale le sbarre erano ancora abbassate, con il veicolo in sicurezza e i bambini in area protetta. Gli agenti hanno ritirato i documenti all’autista, ma al fine di evitare traumi ai bimbi, gli hanno permesso di accompagnarli a scuola.  Al conducente sono stati contestati l’art. 180 del Codice della Strada (violazione della segnaletica stradale)  e il comportamento negligente al passaggio a livello. Il mezzo circolava con assicurazione scaduta il 13 maggio 2011, comunque nei 15 gg di copertura assicurativa. Trattandosi inoltre di un servizio di trasporto di persone nelle forme del noleggio con conducente, la Polizia Stradale verificherà d’ufficio la regolarità della carta di circolazione e delle prescritte autorizzazioni. Le Ferrovie dello Stato si sono riservate di presentare eventuale richiesta di risarcimento danni per eventuali ritardi accumulati dal treno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 368 volte, 1 oggi)