SAN BENEDETTO DEL TRONTO – C’è la pesca nelle attenzioni del Nuovo Polo. Del suo rilancio ne ha infatti parlato Marco Calvaresi, che nel pomeriggio di mercoledì presso l’Associazione Pescatori ha ricevuto il sostegno dell’ex Ministro per le Politiche Comunitarie Andrea Ronchi e Antonio Buonfigli, ex sottosegretario alle Politiche Agricole con delega, appunto, alla Pesca. Entrambi finiani, in rotta col Governo hanno riconsegnato il loro mandato il 15 novembre dello scorso anno: “Un gesto che ci è costato tanto – dice Ronchi – stavamo facendo un buon lavoro”.

Lo segue a ruota Buonfigli: “Si deve ricostruire un sistema, basta salire su un’imbarcazione per capire cosa serve, cosa è legale, cosa no. Servono regole nuove, diverse. Noi ci stavamo impegnando in questo senso”.

Il pesce resta comunque il principale sostentamento per San Benedetto a detta di Calvaresi: “Ho incontrato le associazioni di categoria, dobbiamo ripartire. Eravamo il secondo porto d’Italia un tempo. Avevamo forza, l’abbiamo persa. Dobbiamo recuperarla”. Le responsabilità per il candidato sindaco ci sono e vanno addebitate al primo cittadino uscente: “In cinque anni cos’ha fatto? Servono persone serie, la città non merita una gestione clientelare. Il nostro progetto è alternativo”.

“Dietro alle barche c’è la fatica, il lavoro – aggiunge Ronchi – Quante volte la politica ha dimenticato e strumentalizzato questa categoria? Calvaresi ha sulle spalle una grande responsabilità. Questo settore è depresso, ma San Benedetto può risorgere. Vogliamo rivendicare la bontà del nostro pesce”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 242 volte, 1 oggi)