SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tempi rispettati, finora, per l’avvio dei lavori su nove scogliere del lungomare nord ai fini della lotta all’erosione marina.
L’intervento partirà infatti lunedì prossimo, 9 maggio, a cura della ditta Imeco srl di Napoli. Il pontone è già attraccato al porto, sulla banchina nord, e l’intervento procederà da sud verso nord, fino alla fine di giugno, ed eventuale completamento dopo l’estate. Per questo intervento viene spesa una cifra di quasi un milione e duecento mila euro, di cui oltre un milione a carico della Regione Marche.

Negli ultimi anni l’erosione della spiaggia è stata contrastata con forti investimenti a San Benedetto, tutti a carico degli enti pubblici, senza contributi da parte dei privati o dei concessionari balneari.

Complessivamente, riassume il Comune in una nota, sono stati spesi oltre tre milioni di euro, tra dragaggi dell’imboccatura del porto, interventi sulle scogliere e ripascimenti, nel tratto di mare dall’Albula alla rotonda di Porto d’Ascoli. L’intervento che parte lunedì 9 maggio consiste nell’emersione di scogliere soffolte e nel ripascimento di sabbia in alcuni punti.

Da questo intervento sulle scogliere ci si attende non soltanto una difesa più efficace dalle mareggiate invernali, ma anche metri di spiaggia riguadagnati al mare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 401 volte, 1 oggi)