SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Rammarico, frustrazione e molto da recriminare. Esclusa dalla corsa elettorale dopo i ricorsi a vuoto al Tar e al Consiglio di Stato, la lista La Destra-Noi Centro affila gli artigli ribadendo il supporto a Bruno Gabrielli: “Triplicheremo gli sforzi per sostenerlo, ci riteniamo alleati leali e non molleremo”. E pur manifestando la totale fiducia nelle istituzioni, nessuno tuttavia tende a nascondere il fastidio per una decisione a detta del centrodestra affrettata e poco equa: “I tempi di giudizio sono stati eccessivamente brevi – afferma Andrea Tombolini – e in un lasso di tempo stretto è normale che ci sia la tendenza a confermare la decisione precedentemente presa”.

Denunce queste che saranno raccolte in una relazione da consegnare Nello Musumeci quando l’11 maggio sbarcherà in Riviera. Il neo-sottosegretario al Lavoro le girerà poi alla Commissione Giustizia. “Pensiamo ancora che fosse un errore sanabile – interviene Maria Amato, responsabile della lista Noi Centro – inoltre non mandiamo giù che due liste di sinistra siano state avvertite per rimediare e noi no. Perché?”.

Gabrielli preferisce invece guardare avanti: “L’ho già detto: abbiamo perso due forze, ma le persone e le idee rimangono. Era giusto e doveroso andare fino in fondo. Vogliamo vincere, sappiamo che è possibile. E’ nostra intenzione dare discontinuità ad un’amministrazione che ha mal governato, mentre dall’altra parte il Nuovo Polo è già sfaldato all’origine con la divisione dell’Api con Fli e Udc”. E sulla vicenda spese che hanno interessato il candidato del Pdl, quest’ultimo taglia corto: “Non sono stati sperperati soldi pubblici, semmai fondi esclusivamente privati. I costi dei nostri due ricorsi non sono stati per adesso quantificati. Ma voglio precisare che l’avvocato Scoca è intervenuto perché amico della famiglia Bartolomei e si è prestato a dare un aiuto”.

ARRIVA LA RUSSA E TORNA STORACE Intanto, nei prossimi giorni altri big della politica faranno tappa a San Benedetto. Il 4 maggio alle 19 presso la Sala Smeraldo del Calabresi toccherà al Ministro della Difesa Ignazio La Russa, a cui faranno seguito l’onorevole Maurizio Lupi il 5 (ore 19, Auditorium Tebaldini) ed il Ministro alle Pari Opportunità Mara Carfagna il 7 (che inaugurerà alle 12 il rinnovato Liceo Scientifico). Da definire infine sede e giorno del ritorno del leader de La Destra, Francesco Storace.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 458 volte, 1 oggi)