SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Come potete leggere dal comunicato inviato alla stampa dall’associazione Tifosi Pro Samb, l’unico gruppo di tifosi che ha versato denaro per le casse della Samb senza nulla pretendere, ha deciso di confermare e congelare le somme di denaro finora raccolte e di voler rilanciare in funzione di un futuro ingresso in società. Mentre si attendono risposte da parte di Spina & C. è già possibile fare alcune considerazioni sul momento che sta attraversando la società rossoblu, prendendo spunto dalla società di tifosi nata nel mese di luglio 2009. Tanto amore è giustificato da un solo ed esclusivo motivo strettamente legato alla indiscriminata fiducia verso l’attuale dirigenza che ha in Sergio Spina il suo mentore cioè la guida giusta per tornare tra i professionisti. Memori e coscenti del fatto che Spina, Bartolomei e Pignotti da soli non potrebbero raggiungere quella C2 per la quale si potrebbe  usufruire del ripescaggio che, però, costerebbe cifre superiori a quelle della semplice iscrizione. Il loro è anche un messaggio a quegli imprenditori che potrebbero o acquistare quote societarie per loro conto o confluire nella sottoscrizione che presto avvierà l’associazione dei Tifosi Pro Samb.

Molti sono i motivi che dovrebbe spingere gli sportivi sambenedettesi a non perdere un presidente che in molti ci invidiano, Ascoli compreso. Non ci crederete ma al nostro presidente sono giunte sms nei quali alcuni tifosi ascolani lo invitano a lasciare la Samb e prendere l’Ascoli. Cosa che, uno come Spina, non potrà nemmeno pensare e quindi prendere in considerazione. E’ vero ma può essere anche considerata una risposta a chi, qui a San Benedetto,  sta gettando fango contro di lui ricorrendo a menzogne che tendono a screditarlo come imprenditore. Forse per spingerlo a lasciare e fargli subentrare il finto presidente-tifoso di turno. Per saperne di più su Sergio Spina basta andare a leggere i giornali umbri che gravitano intorno al Gubbio: ne parlano come un grande personaggio fra i principali artefici del miracolo Gubbio del quale è stato presidente del settore giovanile che, tutti sono concordi, è alla fonte di tutti i successi calcistici.

Questa la comunicazione dell’Associazione Tifosi Pro Samb: Giovedì sera 28 aprile c’è stata l’assemblea degli associati Tifosi Pro Samb dopo la decisione della Sambenedettese Calcio di restituire gli 8291 euro che dovevano servire per pagare i seggiolini della tribuna laterale nord. Questa la motivazione: oltre ai Tifosi Pro Samb nessun altro ha aderito alla richiesta di sponsorizzazione necessaria per coprire tutti gli altri settori dello stadio in modo da dare alla struttura il look che merita uno stadio completamente ristrutturato.

L’assemblea, dopo aver ricevuto indietro l’assegno di ritorno, ha preso le seguenti decisioni:

1-congelare la somma ricevuta, e quella arrivata in banca dopo la donazione, in attesa di un utilizzo simile a quello dei seggiolini. Circa undici mila euro che la società merita anche per il comportamento serio ed onesto tenuto in questa circostanza.

2-rilanciare la sottoscrizione con lo stesso intento di aiutare la società del presidente Spina ma in un modo diverso. Quello di creare i presupposti per l’acquisto di una quota societaria che permetta all’associazione, tramite un proprio rappresentante, di partecipare alla vita societaria e quindi di entrare a tutti gli effetti nel Cda  della Sambenedettese Calcio.

In attesa di conoscere il corrispettivo economico per una quota del 15-20%, l’Associazione Tifosi Pro Samb si rivolgerà ad un esperto per mettere a punto le loro intenzioni.

I TIFOSI PRO SAMB

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 614 volte, 1 oggi)