RIPATRANSONE – Il Cavallo di fuoco in questi ultimi anni è stato penalizzato dal mal tempo e anche in questo 2011 le temperature e le precipitazioni non promettono nulla di buono. Intanto il clima di Ripatransone, nell’attesa del tradizionale spettacolo pirotecnico, promette comunque scintille.

Non solo da parte della sagoma equina che sarà accesa domenica 1° maggio alle 21. I ristoratori della zona, infatti, visto il programma stilato dall’Amministrazione comunale, hanno voluto rendere pubblico il loro dissenso. Quest’anno infatti il sindaco Paolo D’Erasmo permetterà anche ai bar di distribuire pasti caldi, “penalizzando così il commercio dei ristoratori”, secondo questi ultimi.

Il percorso degustativo ideato per l’edizione 2011 del Cavallo di fuoco si svilupperà all’interno di alcuni luoghi caratteristici del centro storico, che offre una splendida cornice naturale fatta di grottini ed archi dal sapore antico e non sarebbero stati coinvolti ristoranti per i quali l’evento rappresenta di solito, un aumento del lavoro.

Visto la crisi economica che attanaglia il commercio e il maltempo di questi giorni che di certo non aiuta, il Cavallo di fuoco, per alcuni, consisterebbe veramente in una manna dal cielo. Questa situazione è stata segnalata a Riviera Oggi da alcuni ristoratori. Nei giorni successivi all’evento ripano, faremo il punto della situazione, magari con un approfondimento della questione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 817 volte, 1 oggi)