SAN BENEDETTO – Martedì mattina la commissione elettorale ha escluso tre liste dalle elezioni comunali: la lista “Italia che Vorrei” del candidato sindaco Pino Neroni, e due liste a supporto del candidato del centrodestra Bruno Gabrielli, “Giovani per San Benedetto” e “La Destra-Noi Centro”.
Intanto in municipio (scriviamo fra le ore 11 e le ore 12) si sta vivendo l’acme dell’attesa per i rappresentanti delle liste escluse. Dopo che si è concluso il sorteggio per l’assegnazione dei posti nelle schede elettorali per le liste ammesse, sono tutti in attesa della consegna del verbale con le motivazioni ufficiali delle esclusioni. Le liste sono state tutte consegnate entro l’orario massimo prestabilito, sabato a mezzogiorno.

Gruppi di candidati si riuniscono a grappoli nell’atrio del municipio, si guardano delusi, autorecriminanti per i supposti errori formali che vengono immaginati, c’è nervosismo e si attendono le motivazioni ufficiali prima di fare i passi necessari alla presentazione dei ricorsi. Prima, senza le motivazioni ufficiali, sarà ben difficile stendere dei ricorsi mirati.
Osservando e attendendo l’ufficialità contenuta nei verbali che presto saranno consegnati ai rappresentanti di liste (scriviamo alle ore 13), sembra che ci si possa trovare di fronte a contestazioni formali e non sostanziali, da parte della commissione. Ma per ora è solo una impressione che ricaviamo dalle prime ricostruzioni che i rappresentanti di liste fanno nei loro chiacchiericci semi impenetrabili.

Intanto sono state estratte le posizioni delle 19 liste per gli otto attuali candidati sindaco. Posizioni all’interno delle schede su cui l’elettore voterà, posizioni nei manifesti che introdurranno e illustreranno il panorama delle candidature all’interno dei seggi.

Clicca qui per leggere le motivazioni ufficiali delle esclusioni

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.283 volte, 1 oggi)