SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una notizia clamorosa ma ancora non confermata che rischia di stravolgere la competizione elettorale sambenedettese: sarebbero ben 4 le liste (tra le 22 presentate a sostegno dei nove candidati sindaco) a rischiare la non ammissione alle votazioni del 15 e 16 maggio. L’ufficialità però si avrà soltanto nel mattino di martedì 19 aprile, per cui tutte le informazioni contenute in questo articolo sono soltanto ufficiose e soggette a possibile smentita al momento di dichiarazioni ufficiali. Ma i rumors che provengono dal Municipio di Viale De Gasperi sono inequivocabili e tali da costringerci a diffondere queste – pur parziali – informazioni.

Sembrava, verso le 18, che la situazione si fosse regolarizzata, poi si è avuta la quasi certezza che a rischiare fossero tre liste, quindi, in serata, ecco che il numero è salito a quattro.

L’ufficio elettorale di San Benedetto è rimasto al lavoro tutta la giornata, fino alle 22:30 – mentre in sala consiliare era presente il segretario nazionale del Pd Bersani – per vagliare la correttezza formale relativa alla presentazione delle 22 liste elettorali. Inizialmente ad avere dei problemi parevano essere soltanto la lista civica Italia che Vorrei (candidato sindaco Pino Neroni) e la lista Forza del Sud (candidato Tablino Campanelli). A queste (Italia che Vorrei dovrebbe essere esclusa) però si sarebbero aggiunte anche altre due liste, per alcuni dell’area del centrodestra (ma sono supposizioni e, nonostante le voci, attendiamo notizie ufficiali).

Non resta che attendere la nottata, ma il fatto che non sia arrivata alcuna comunicazione ufficiale in questa convulsa giornata di lunedì naturalmente fa percepire l’inusuale difficoltà, rispetto alle precedenti competizioni elettorali, relative alla presentazione delle firme (ogni lista ne doveva presentare almeno 200).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 977 volte, 1 oggi)