SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Centouno studenti, dieci insegnanti accompagnatori, cinque istituti superiori coinvolti (il liceo Classico e lo Scientifico, l’Ipsia, la Ragioneria e l’Alberghiero “Buscemi”). L’ormai tradizionale visita al campo di concentramento di Mauthausen, che il Comune di San Benedetto organizza ogni anno nel periodo intorno al 25 aprile, anniversario della Liberazione dal nazi-fascismo, si è appena concluso.
Il viaggio viene facilitato dal gemellaggio tra San Benedetto e la cittadina austriaca di Steyr, che dista poche decine di km da Mauthausen. Durante la visita sono stati ricevuti al Comune di Steyr dal sindaco Gerald Hackl, hanno visitato la scuola superiore della città (onnicomprensiva di tutti gli indirizzi), la biblioteca dell’abbazia di Saint Florian presso Linz, dove sono conservati oltre 150 mila volumi (tra cui la bibbia gigante di St. Florian, realizzata probabilmente intorno al 1150), e inoltre l’organo della chiesa, con ben 7.386 canne.

Infine la visita completa al campo di Mauthausen, con una guida che ha spiegato come fosse organizzato il campo di concentramento, e la spietata efficienza della ferocia nazista. In generale, grazie al lavoro preparatorio svolto dai loro docenti-accompagnatori, i ragazzi erano preparati alla visita, e hanno trascorso tre giorni conoscendo i colleghi delle altre scuole sambenedettesi e austriache, oltre a vivere un’importante esperienza letteralmente sospesa tra il bene e il male, tra cultura e tragedie storiche.

Come ogni anno, oltre al lavoro amministrativo svolto dalla segreteria del sindaco, il viaggio è stato seguito dal consigliere comunale Francesco Bruni, ormai un “veterano” di questa iniziativa. In particolare, gli insegnanti erano Eleonora Carminucci e Ado Evangelisti per l’Ipsia, Marina Di Salvo e Agnese Monaldi per il Liceo Classico, Filomena Nespeca e Antonella Piunti per lo Scientifico, Maria Cristina Laureati e Ercole Capriotti per l’Alberghiero, Stefania Talvacchia e Federico Salladini per la Ragioneria.

Alcuni ragazzi racconteranno la loro esperienza, di fronte ai loro colleghi e alle autorità cittadine, lunedì 25 aprile a partire dalle ore 10 nella sala consiliare del Comune, nell’ambito dell’iniziativa istituzionale organizzata per celebrare la Liberazione d’Italia dal nazi-fascismo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 299 volte, 1 oggi)