SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ci sono anche loro, i “grillini” del Movimento 5 Stelle, e candidano a sindaco (ma loro dicono: portavoce) Maria Rosa Ferritto, la prima donna che ambisce alla poltrona di primo cittadino in una elezione sambenedettese: “Ci impegniamo in prima persona per cambiare l’amministrazione comunale. Non avere problemi con la giustizia, non essere iscritti ad alcun partito e non aver ricoperto cariche politiche sono caratteristiche vincolanti per tutti i candidati che ne faranno parte della lista: semplici cittadini, fuori dai partiti e lontani dai centri di potere, convinti che il riscatto della città possa arrivare solo lavorando per il bene comune”.

A livello programmatico il Movimento 5 Stelle vuole “trasformare San Benedetto in una città turistica realmente vivibile, partecipata e più attenta alle esigenze di bambini e anziani”. Nella nota si legge: “Stop al consumo di territorio, lotta all’inquinamento, rifiuti zero, no nucleare, mobilità sostenibile, incentivi alle fonti rinnovabili e efficienza energetica, internet libera e gratuita tramite la rete wi-fi, trasparenza nella gestione della cosa pubblica e promozione della partecipazione di tutti i cittadini in base ai principi della democrazia diretta, con referendum comunali senza quorum, bilanci partecipati, promozione di consultazioni e assemblee pubbliche”.

C’è poi una novità: sia la portavoce Maria Rosa Ferritto che altri eventuali eletti della lista “rimetteranno il mandato ogni sei mesi alla decisione dell’assemblea del Movimento sulle azioni e gli scopi raggiunti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.248 volte, 1 oggi)