SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Indagini in corso – e serrate – sulla vicenda della morte del giovane ventunenne sambenedettese Paolo Vervena, avvenuta sabato 9 aprile al Molo Sud. Il ragazzo era uscito di casa alle 8 del mattino e, un’ora dopo, il suo corpo è stato ritrovato privo di vita. Oggi, lunedì, la Procura deciderà se effettuare l’autopsia che chiarirà le cause della morte: affianco al corpo era presente un cucchiaino, la qual cosa farebbe pensare ovviamente ad una overdose per droga. 

E attorno a questa ipotesi si muovono gli inquirenti. Infatti la prima domanda da chiarire è se Vervena si trovava solo al momento della morte, e dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che non sia così. Infatti sarebbe stato trovato un giubbetto contenente un documento non appartenente a Vervena nelle immediate vicinanze del corpo. Si ipotizza quindi che il giovane fosse in compagnia, almeno prima di morire. Accertamenti su ciò sono in corso; le indagini sono al momento tenute nel massimo riserbo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 5.318 volte, 1 oggi)