MONTEPRANDONE – “Live in Italy“: è il nome di un marchio che accomunerà le città di Napoli e Monteprandone, legate già dalla condivisione dello stesso santo patrono, San Giacomo della Marca, nativo proprio di Monteprandone. L’iniziativa si inserisce in una serie di relazioni istituzionali e commerciali che negli ultimi anni, proprio grazie al riferimento del Santo, le due città hanno avviato.

“Live in Italy” è stato presentato nei giorni scorsi alla Città della Scienza di Napoli dal sindaco Rosa Russo Iervolino, dall’assessore comunale Mario Raffa e da alcuni sindaci di città italiane, fra i quali il primo cittadino di Monteprandone Stefano Stracci.

Il marchio “Live in Italy” servirà a promuovere il vivere italiano come modello basato sui valori, sulla tradizione, sulla cultura e sulle vocazioni produttive ed artigianali delle singole identità territoriali. “Live in Italiy” cercherà di tutelare e preservare le eccellenze della nostra tavole e del nostro artigianato, grazie ad una rete di comuni uniti per ottenere uno sviluppo sostenibile e duraturo.

Soddisfatta del progetto la Iervolino che ha inviato I suoi saluti alla cittadinanza monteprandonese confidando in una visita a breve nel comune piceno. A proposito di “Live in Italy” invece il sindaco di Napoli ha dichiarato che “in una rete di enti locali non è la dimensione che conta, ma la misura in cui ciascun componente è in grado di mettere al servizio degli altri le tradizioni e la capacità innovativa di cui è portatore”.

 “Questa iniziativa – ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo del Comune di Napoli, Mario Raffa – mette in rete comunità eterogenee che pur non rinunciando alle loro peculiarità e identità, costruiscono insieme piattaforme comuni di sviluppo condiviso. Questa aggregazione assume, nei 150 anni dell’Unità, un particolare rilievo in quanto espressione di una coesione nazionale che parte dal basso”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.038 volte, 1 oggi)