TERAMO – I Pubblici Ministeri Gabriele Ferretti e Roberta D’Avolio chiedono trenta anni di reclusione per i tre rom accusati dell’omicidio volontario aggravato di Emanuele Fadani, imprenditore 38enne di Alba Adriatica colpito a morte da un pugno davanti a un locale di Alba Adriatica, l’11 novembre del 2009.

Del delitto sono accusati i cugini Danilo ed Elvis Levakovic e Sante Spinelli. La sentenza è prevista nella seconda udienza, fissata al 19 aprile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 455 volte, 1 oggi)