SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Guerra ai writers, maggiore sicurezza, valorizzazione del porto ed attenzione alle esigenze dei disabili. Bruno Gabrielli esce allo scoperto e, dopo un inizio di campagna elettorale rivolto all’esclusiva critica nei confronti dell’avversario, stila un proprio elenco programmatico nel corso della presentazione della propria lista, San Benedetto Nuova, che lo supporterà al fianco ovviamente del Popolo della Libertà, della Lega Nord, de La Destra e del movimento Giovani per San Benedetto.

Non più nove simboli ma cinque, “con lo scopo  – precisa il candidato – di semplificare la vita agli elettori che si recheranno alle urne e non, come dice Gaspari, perché stiamo perdendo i pezzi. Pensi piuttosto ai suoi”. Di qui la decisione di fondere la Fiamma Tricolore, con Giacomo Massimiani (detto Gico) ed i Repubblicani, rappresentati dal segretario comunale Domenico Carnicelli, in un contenitore più ampio, composto da ventiquattro personalità, comprendenti professionisti, commercianti e pensionati.

Alcuni sono addirittura alla prima esperienza, come Luciano Vesperini: “Non dobbiamo lasciarci andare a promesse roboanti e a proclami. Partirei innanzitutto dal decoro del territorio, che tutt’ora lascia a desiderare e dalla lotta ai murales”. Propongono un vigile per ogni quartiere invece Erasmo Terenzio, gestore di una nota paninoteca nella zona Ballarin, e Pasquale Cocco, militare di professione: “E’ necessaria una maggior tutela dei sambenedettesi, che purtroppo manca, specialmente di notte”.

Jonni Perozzi sarà inoltre la voce dei diversamente abili: “Serve una totale accessibilità alla città. Una località che si definisce turistica non può essere così limitata in questo senso. Chi viene in carrozzina è un turista come gli altri. Senza dimenticare la necessità di una nuova sede per la Croce Verde e di un terzo braccio per il porto”.

Oltre ai sopra citati, compongono la lista di Gabrielli Tarcisio Bastarelli, Luciano Bernardini, Luigi Capriotti, Carmine Chiodi, Dante Cosentino, Luca Cossignani, Francesco Costantini, Matteo De Carlo, Giuseppe La Manna, Pietro Liberati, Costantino Merilini, Giuseppe Pellecchia, Nicolino Piunti, Luigi Salibrici, Massimo Urbani e Fabrizio Vagnoni. C’è poi Lorena Narcisi, unica donna del gruppo: “Tranquilli, nel Pdl ce ne saranno tante”, rassicura il leader del centrodestra.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 665 volte, 1 oggi)