SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Fratelli coltelli: così a sinistra si continua a guerreggiare. Dopo che, su nostra domanda riguardo un
eventuale accordo con il centrosinistra al ballottaggio Daniele Primavera, neo candidato sindaco di Rifondazione Comunista, ha dichiarato “non ne abbiamo ancora parlato, ma in quel caso deciderò assieme al mio gruppo”, gli ex “compagni” di Sinistra Ecologia e Libertà scrivono: “Apprendiamo che Primavera non ha escluso accordi con Gaspari all’eventuale ballottaggio. Ci si chiede: perché se Sinistra Ecologia e Libertà fa un accordo politico con l’attuale maggioranza alla luce del sole, consultando anche i cittadini alle primarie, è una sinistra “in vendita”, traditrice e corrotta dai cementificatori, mentre é perfettamente normale e corretto per Primavera chiedere al primo turno i voti contro Gaspari per poi eventualmente allearcisi al secondo?”.

E infine, con un pizzico di ironia: “Ai posteri anzi agli elettori l’ardua sentenza. (Attendiamo anche i severi giudizi dei commentatori di turno)”.
Chissà se si faranno attendere o meno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 807 volte, 1 oggi)